BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

NAPOLITANO & I SAGGI/ Il costituzionalista: è un "compromesso" alla De Gasperi

Potrebbero ripetere l'esperienza dell'Assemblea costituente. Il compromesso raggiunto allora resse anche dopo la fuoriscita del Pci. VINCENZO TONDI DELLA MURA

InfophotoInfophoto

Quando la realtà istituzionale supera la fantasia, tocca alla politica farvi fronte. A questa spetta il compito di assumere soluzioni adeguate e percorribili, sperimentando vie d’uscita materialmente praticabili e costituzionalmente compatibili.

Del resto, la politica consiste nell’“arte del rimedio”. Come già insegnava Machiavelli, lungi dal legittimare un uso astratto e pervasivo del potere, essa svolge la funzione essenziale di porre rimedi, riparare le falle, trovare equilibri provvisori e sempre precari.

Proiettata in ambito costituzionale, tale prospettiva ha consentito ai Padri costituenti di conciliare le impellenze geopolitiche dell’incipiente guerra fredda, con la pari urgenza d’introdurre principi culturalmente dirompenti e tali da aprire una nuova stagione di sviluppo e di pacificazione sociale. Analogamente, rimessa in ambito istituzionale e applicata nel pieno della guerra fredda, tale prospettiva ha consentito di correggere le storture di un sistema democraticamente «bloccato», individuando formule e verificando modelli astrattamente impensabili, eppure tali da favorire un’inclusione politico-sociale altrimenti irrealizzabile.

E’ in tale prospettiva che occorre inquadrare l’iniziativa del Presidente della Repubblica, di sospendere la ricerca di una soluzione alla formazione del governo e di facilitarne il successivo compimento per mezzo dell’istituzione di due gruppi di lavoro programmatici, limitati per tempo, ruolo e materia (istituzionale l’uno, economico-sociale ed europea l’altro).

Si tratta di un’iniziativa certamente inedita nella storia parlamentare repubblicana; la relativa eccezionalità, tuttavia, anziché vanificare, favorisce le ragioni del parlamentarismo italiano, rimanendo pur sempre inscritta nel complesso equilibrio costituzionale fra i poteri dello Stato. Essa è derivata dalla situazione di necessità provocata dall’imprevedibile crisi politico-istituzionale ed economico-finanziaria, cui ha concorso la straordinaria congiuntura fra il responso elettorale del febbraio 2013 e l’emergenza economica e finanziaria in corso; inoltre, essa è mossa dalla pari necessità di prevenire una situazione di crisi ancor più grave e imponderabile, tanto nell’immediato (a causa dell’inevitabile agitazione dei mercati finanziari), quanto all’esito del c.d. semestre bianco (a seguito dell’eventuale successivo scioglimento delle Camere).

Sullo sfondo, dunque, vi è il fallimento di quel bipolarismo all’italiana, che è stato incrementato artificialmente dalla transizione infinita della «Seconda Repubblica».