BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ILDA BOCCASSINI/ Fazzo (Il Giornale): la Procura lavora in segreto per preparare un processo Ruby 3

Pubblicazione:martedì 14 maggio 2013

Ilda Boccassini (InfoPhoto) Ilda Boccassini (InfoPhoto)

Il pm Ilda Boccassini ha chiesto sei anni di carcere e l’interdizione perpetua dai pubblici uffici per Silvio Berlusconi come condanna per il caso Ruby. L’accusa ritiene l’ex premier colpevole dei reati di prostituzione minorile e concussione. Due i nodi di questa vicenda: da un lato il fatto che Berlusconi sapesse o meno che all’epoca dei fatti Karima El Mahroug aveva 17 anni; dall’altra che abbia fatto pressioni sui funzionari di polizia per ottenerne la liberazione la notte in cui fu fermata per furto. Ilsussidiario.net ha intervistato Luca Fazzo, cronista giudiziario de Il Giornale.

 

Ritiene che l’impianto accusatorio della Boccassini regga?

Il contesto delle cene di Arcore che dipinge Ilda Boccassini è sostenuto da testimonianze che per la difesa non sarà facilissimo smontare. Quello su cui la ricostruzione è forse più facilmente attaccabile, riguarda un altro passaggio decisivo: Berlusconi sapeva o meno che la ragazzina era minorenne?

 

Lei che cosa ne pensa?

Se non lo sapeva, il Codice penale prevede che l’imputato non possa essere condannato. Su questo la Boccassini si è appoggiata soprattutto su una sorta di prova logica, cioè sull’ipotesi che Emilio Fede avesse informato Berlusconi che Ruby in realtà aveva 17 anni.

 

E per quale motivo Fede avrebbe dovuto informare Berlusconi di questo aspetto?

C’è un elemento di fatto, e cioè il concorso in Sicilia cui Ruby aveva partecipato quando era anagraficamente ancora minorenne, dal quale si capisce che Fede fosse a conoscenza della vera età della ragazza. Stando alla requisitoria, a portare Karima El Mahroug ad Arcore sarebbe stato il giornalista, e non invece Lele Mora come afferma Berlusconi.

 

Fede e Berlusconi non sono però ancora una sola persona …

La Boccassini dice che in sostanza, visto il rapporto di fedeltà che c’era tra Berlusconi ed Emilio Fede, era impensabile che quest’ultimo abbia portato Ruby nella villa dell’ex premier senza avvisare il padrone di casa che si trattava di una minorenne, con tutto quello che ciò comportava. Per la Boccassini “non c’è dubbio che Ruby abbia fatto sesso con il Cavaliere”.

 

Non ritiene che escludere qualsiasi dubbio manifesti in realtà una debolezza dell’accusa?


  PAG. SUCC. >