BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCENARIO/ Ostellino: per salvare il governo Letta tagli le tasse

Pubblicazione:

InfoPhoto  InfoPhoto

E’ presto per dire se il ritiro all’abbazia di Spineto abbia fatto bene al governo. Per il momento, disponiamo di alcune dichiarazioni di intenti programmatici, tutto sommato, abbastanza ambiziosi. Li ha sintetizzati il premier Letta, al termine della riunione sull’eremo. Si tratta di quattro temi da condurre a termine entro 100 giorni: più lavoro per i giovani e rifinanziamento degli ammortizzatori sociali; misure per l’edilizia e revisione della fiscalità generale sulle abitazioni (ovvero, abolizione o sospensione dell’Imu); un pacchetto di agevolazioni fiscali e burocratiche per «gli italiani che vogliono fare»; riforma della politica. Quest’ultimo punto sarà realizzato attraverso la nomina di una commissione di esperti esterni al Parlamento e presieduta dal premier, che dovrà redigere una serie di proposte per poi consegnarle ai presidenti delle due Camere. Questi, a loro volta, dovranno girarli alla Convenzione per le riforme che, si spera, nel frattempo sia stata istituita. Abbiamo fatto il punto sulla situazione con Piero Ostellino, editorialista del Corriere della Sera.

 

Cosa ne pensa dei punti proposti da Letta?

Per quanto riguarda i primi due, per lo più si è trattato di chiacchiere. Retorica che, normalmente, caratterizza la politica. Non c’è da stupirsi. Intendiamoci, rimuovere una tassa è sempre positivo. E non si capisce perché la sinistra dovrebbe opporsi. Resta il fatto che, come è noto, le misure sulla prima casa erano la condizione sine qua non affinché il centrodestra partecipasse al governo; gli ammortizzatori sociali e gli interventi di welfare, invece, erano i punti irrinunciabili del centrosinistra. Sta di fatto che i provvedimenti che qualificheranno realmente questo esecutivo sono quelli previsti al terzo capitolo.

 

Perché?

In Italia si è sempre pensato che il lavoro e lo sviluppo si potessero creare per decreto legge quando, al contrario, è la società a produrli. Spero, quindi, che Letta non cada in questo errore, come tutti i suoi predecessori. Alla politica, infatti, spetta esclusivamente il compito di creare le condizioni affinché le energie della società possano essere liberate. Ben vengano, quindi, le semplificazioni se per esse si intende l’eliminazione di tutti i lacci e laccioli, e di tutti gli ostacoli normativi-burocratici che impediscono al nostro Paese di essere dinamico e in grado di creare benessere.

 

Come giudica, infine, il punto sulle riforme istituzionali?


  PAG. SUCC. >


COMMENTI
14/05/2013 - commento (francesco taddei)

sig. ostellino nè questo nè altri governi formati dall'attuale classe dirigente e stante il potere di condizionamento dei corpi intermedi dello stato consentiranno il taglio delle tasse. sa perchè? perchè dipende dalla visione di stato e società della maggioranza degli italiani: uno stato assistenziale che aggredisce la ricchezza privata per la sua sopravvivenza, mascherandola da stato sociale.