BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

M5S/ Proposta di legge per abrogare il reato di vilipendio al Capo dello Stato

"Ho scoperto che il Presidente è d'accordo sull'abolizione dell'articolo 278, il reato di vilipendio al Presidente della Repubblica". Lo scrive Beppe Grillo in un post pubblicato da poco

Foto: InfoPhoto Foto: InfoPhoto

"Mentre in tutta Italia proseguono le indagini per 22 persone che hanno commentato su Napolitano in questo blog, ho scoperto che il Presidente è d'accordo sull'abolizione dell'articolo 278, il reato di vilipendio al Presidente della Repubblica". A scriverlo è Beppe Grillo, tornato all'attacco dopo il recente via libera del Guardasigilli al Pm di Nocera Inferiore, autorizzato a procedere contro 22 persone indagate per "offesa all'onore e al prestigio del Presidente della Repubblica" dopo aver scritto commenti offensivi sul blog del leader del Movimento 5 Stelle. "Lo ha detto in tempi non sospetti, nel 2009", prosegue Grillo parlando di Napolitano, "come rivelato dal suo ex portavoce Pasquale Cascella". Proprio lui, infatti, avrebbe detto che il Capo dello Stato invitò "chiunque abbia titolo per esercitare l'iniziativa legislativa a liberamente proporre l'abrogazione", lasciando all'opinione pubblica ogni valutazione "giudichino poi i cittadini che cosa è libertà di critica, e che cosa non lo è, nei confronti di istituzioni che dovrebbero essere tenute fuori dalla mischia politica e mediatica". Forte di questo viatico presidenziale e che "su vilipendio al capo dello Stato decide Parlamento", Beppe Grillo fa sapere che "il MoVimento 5 Stelle depositerà oggi in Senato, e lunedì alla Camera, la proposta di abrogazione dell'articolo 278. Una legge del Codice Rocco che tutelava Mussolini e il Re". "Sono certo - conclude l'ex comico genovese - dell'adesione plebiscitaria in aula alla nostra iniziativa. Napolitano è con noi, chi voterà contro l'abrogazione, voterà anche contro il presidente della Repubblica e potrebbe macchiarsi di vilipendio".

© Riproduzione Riservata.