BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

GOVERNO/ Alfano: questo esecutivo è un matrimonio di interessi non d'amore

In una intervista al Corriere della sera il segretario del Pdl spiega la sua visione di questo governo, nega conflitti interni che possano metterlo in crisi e spiega su cosa si basa

Foto: InfoPhotoFoto: InfoPhoto

Lunga intervista con il vicepresidente del governo e segretario del Pdl, Angelino Alfano, sul Corriere della sera di oggi, alla luce di nuove polemiche all'interno della maggioranza. Si parla appunto di queste problematiche, ad esempio l'Imu che il Pdl vorrebbe del tutto eliminata mentre al momento è solo sospesa, la controversa manifestazione di Brescia sul tema della giustizia e anche la legge elettorale. Per Alfano il governo sta comunque lavorando sui temi importanti dell'economia e per risolvere il problema del lavoro. E' un governo, spiega, che sta in piedi per la comune volontà di realizzare il suo programma e il destino del governo stesso è legato proprio al programma. "Non bisogna farsi illusioni, ma non bisogna deprimersi. Piedi per terra e sguardo rivolto al futuro: non dobbiamo aumentare l'Iva, dobbiamo detassare l'assunzione dei giovani per incentivare gli imprenditori a fare occupazione, semplificare la burocrazia, riaffermare che essere proprietari di una casa non è una colpa. Lo scopo che realmente sorregge tutto è tirare fuori l'Italia dalla crisi economica. L'obiettivo ultimo è tirarci fuori dal guaio in cui una serie di scelte sbagliate anche di politica economica ci ha cacciati" dice Alfano. Dice poi che c'è differenza tra quanto viene vissuto all'interno del consiglio dei ministri e quanto appare sui giornali, che tendono a metterlo in cattiva luce parlando di polemiche interne e divisioni. Chi si comporta così, dice, fa parte di un "comparto trasversale tra politica, economia e giornalismo, che dal conflitto trae lucro". C'è una enorme letteratura "antiberlusconiana" dice. A proposito di una sinistra che non ama l'accordo di governo con Berlusconi, risponde che neanche gli elettori del Pdl amano la sinistra. Si tratta solo di un matrimonio di interesse, non un matrimonio d'amore: "la cosa bella è che l'interesse non è quello degli sposi, delle parti, ma quello del Paese". Alfano dice anche che le sorti del governo non sono legate ai processi di Berlusconi.

© Riproduzione Riservata.