BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

SCENARIO/ 2. Così il presidenzialismo può sistemare i "guai" dei politici

InfoPhotoInfoPhoto

Niente di paragonabile, a prima vista, con i farraginosi sistemi parlamentari, che faticano ad identificare i propri leader, che alterano tramite sistemi elettorali imperscrutabili il rapporto tra elettore ed eletto e che lasciano spesso il governo in balia degli umori e degli interessi delle assemblee (in Italia numerosissime e quindi portatrici di interessi molteplici e spesso contraddittori).

Ora, perché il presidenzialismo sia poi in grado di mantenere tutte le promesse sopra elencate occorre che la sua realizzazione si muova insieme con tutti i fattori che occupano il campo; non sarà infatti sufficiente fare una sola scelta, per quanto forte, in sede costituzionale se non si mettono a sistema anche gli altri elementi della forma di governo, dalla legge elettorale allo statuto dei partiti. Anche l’insieme dei contropoteri andrà riconfigurato in un’ottica di check and balances necessaria a non creare squilibri: regioni, controllo di costituzionalità, statuto dell’opposizione in Parlamento, sistema delle fonti, e altro ancora, sono tutti elementi da tener presente per far si che da un’idea importante emerga uno stato di fatto (efficiente e credibile) che possa sostenere il Paese nell’uscire dalla crisi in cui si dibatte.

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
31/05/2013 - commento (francesco taddei)

il presidenzialismo servirà a dare una campagna elettorale per prodi e berlusconi. le altre nazioni con sistema presidenziale lo sfruttano pienamente sia negli interni che negli esteri. l'italia sarà sempre il cagnolino del padrone straniero. per avere più libertà e indipendenza occorre un risveglio delle coscienze, che non avverrà dall'alto.