BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

BERLUSCONI/ I processi Ruby e Mediaset? Confido nell’assoluzione

Berlusconi ci ha tenuto a precisare che è convinto che sarà assolto pienamente. A meno che, ha aggiunto, per l’ennesima volta non si tenti di farlo fuori per via giudiziaria

Infophoto Infophoto

Interpellato dai microfoni di Speciale Tg5 (che andrà in onda questa sera) da Andrea Pamparana, Berlusconi ha parlato dei processi che lo riguardano, all’indomani della decisione della Corte di Cassazione di mantenere quelli legati alla vicenda Ruby e alla compravendita di diritti Mediaset a Milano. L’ex presidente del Consiglio ci ha tenuto, anzitutto, a precisare che è convinto che sarà assolto pienamente. A meno che, ha aggiunto, per l’ennesima volta non si tenti di farlo fuori per via giudiziaria come sta avvenendo da oltre 20 anni. Entrando nel merito, Berlusconi ha fatto presente che la condanna in primo grado per un’evasione di 3 milioni di euro è assurda. All’epoca, infatti, il suo gruppo – come lui stesso ha ricordato – versò al fisco 567 milioni di euro. Un’evasione di quella portata, quindi, non avrebbe avuto alcun senso. Inoltre, la vicenda non lo riguarderebbe, dal momento che non si è mai interessato personalmente dei bilanci del suo gruppo né di questioni legate al fisco. Rispetto a Frank Agrama, poi, il suo presunto socio occulto, ha spiegato: «Ho conosciuto il signor Frank Agrama negli anni 80 a Los Angeles manon sono mai stato socio in alcune società con questo signor Agrama».

© Riproduzione Riservata.