BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

LEGA/ Pronte le carte per l’abbandono di Bossi

Sarebbero pronte le carte per una separazione consensuale. Bossi rinuncerebbe a tutte le sue cariche interne al Carroccio in cambio, del mantenimento dell’ assegno che la Lega gli gira

infophoto infophoto

Le esternazioni di Bossi sono piuttosto dannose per una Lega che, già di per sé, ha raggiunto i minimi storici. Sostenere che l’attuale segretario, Roberto Maroni, sia un traditore, e neppure un vero leghista, non fa bene al sentimento dell’elettorato. Il Senatur sembra, ormai, una scheggia impazzita. Una questione che, in un modo o nell’altro, va risolta. Sembra che la soluzione sia in via di definizione. Secondo una ricostruzione de Il Giornale, sarebbero pronte le carte per una sorta di separazione consensuale. Bossi rinuncerebbe a tutte le sue cariche interne al Carroccio. In cambio, continuerebbe a mantenere il congruo assegno che la Lega gli gira mensilmente per pagare il personale specializzato che, da quando ha avuto l’ictus, lo segue 24 ore al giorno. E si tratterebbe di qualcosa come 800mila euro. Al tutto, si aggiungerebbe l’indennizzo da ex parlamentare (nell’ipotesi che non venisse ricandidato). Che, considerando che ha ben 7 legislature sulle spalle, sarebbe piuttosto elevato. Questa, ovviamente, sarebbe l’alternativa estrema nel caso in cui dovesse fallire anche l’ultimo accordo. Ovvero, «una nuova “pax leghista” che – scrive Paolo Bracalini su Il Giornale -, in cambio della rinuncia a sabotare la Lega, riassicura a Bossi lo standard economico garantito da via Bellerio, più un'apertura sulla prossima segreteria federale a un colonnello di pace come Giancarlo Giorgetti, più morbido con Bossi rispetto agli altri papabili per la successione a Maron

© Riproduzione Riservata.