BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

DECRETO DEL FARE/ Governo: la prima casa non si tocca, maggiori rate per pagare Equitalia

Pubblicazione:

Foto: InfoPhoto  Foto: InfoPhoto

La riunione fiume del consiglio dei ministri che dura da quasi quattro ore non ha ancora permesso di avere il testo integrale del cosiddetto "decreto del fare" che il governo sta finendo di mettere a punto. C'è dunque grande attesa mentre comunque sono già trapelati alcuni dei punti presi in esame dal consiglio dei ministri. Innanzitutto Equitalia, da tempo nel mirino delle contestazioni per la riscossione del denaro dei cittadini in casi di tasse non pagate, multe e quant'altro. Il governo avrebbe deciso una piccola rivoluzione dei poteri in mano a Equitalia: ci sarà la possibilità di arrivare fino a 120 rate in caso di debiti tributari contro le attuali 72. Introdotto poi l'aumento fino a otto contro le attuali due del numero di rate anche non consecutive. Se non si paga entro le otto rate decadrà la possibilità di ottenere la rateizzazione stessa. Maggior respiro dunque per tutti coloro che hanno dei debiti. Viene poi introdotta l’impignorabilità della prima casa per debiti tributari inferiori a 120 mila euro. Renato Brunetta commentando queste prime indiscrezioni si è detto molto soddisfatto dei punti raggiunti dal governo. Soddisfatto anche  Daniele Capezzone, presidente della Commissione Finanze della Camera, che sottolinea un "successo storico per i contribuenti, e per un fisco davvero amico dei cittadini".



© Riproduzione Riservata.