BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SCENARIO/ Lo strano "tesoretto" che preoccupa Letta, Berlusconi e Napolitano

InfoPhoto InfoPhoto

E il dramma è che nel 2013, a 20 anni dall’inchiesta che si riproponeva di riportare le mani pulite nelle istituzioni, il futuro anche di questo governo fondamentale per le sorti del Paese, dipende ancora dagli esiti processuali. Berlusconi prende tempo, chiede a tutti, persino ai suoi giornali, di avere prudenza, e lui per primo ne fa uso, chissà, forse anche per scongiurare accanimenti da parte di una Consulta che considera in larga misura a lui avversaria. 

Quel che accadrà dopo mercoledì è difficile da prevedere. Nel Pdl ognuno scommette a modo suo, intanto, e si vede. Noi scommettiamo invece, ancora una volta, sulla buona stella dell’Italia. Cioè che la follia non prenda il sopravvento e prevalga invece un soprassalto di bene comune. In fondo lo sgretolamento in pochi mesi della via d’uscita grillina, crea un tesoretto, all’interno dell’opinione pubblica, un bacino d’utenza cui guardare dedicandosi con zelo al recupero di consensi nell’elettorato deluso. Anche da chi aveva indicato una strada che i fatti hanno mostrato non portare da nessuna parte. Con buona pace di Beppe Grillo che, da comico, sembra esser diventato in questi giorni un eroe tragico.

© Riproduzione Riservata.