BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

M5S A PEZZI/ Cirino Pomicino: lo sfascio di Beppe Grillo è il frutto "malato" del Pd

Per PAOLO CIRINO POMICINO, la serietà d’un partito si misura sul fatto di avere alle sue spalle una cultura di riferimento insieme a una democrazia interna con organi collegiali che decidono

Foto Infophoto Foto Infophoto

Le procedure di espulsione nel M5S mettono sotto gli occhi di tutti la crisi del movimento. Dopo il caso della senatrice Adele Gambaro, è toccato al deputato Paola Pinna. L’onorevole grillino Andrea Colletti ha scritto una e-mail al capogruppo Riccardo Nuti, chiedendo l’espulsione ufficiale della collega. La pagina ufficiale di Facebook del Movimento 5 Stelle si apriva l'altro ieri con la domanda provocatoria “Paola Pinna … Chi?”. L’onorevole eletta nel collegio della Sardegna aveva parlato di “clima di psico-polizia” e di “talebani”, suscitando le vivaci polemiche che caratterizzano il movimento di Grillo. Valeria Lombardi, ex capogruppo alla Camera dei Deputati, ha scritto su Facebook riferendosi alla Pinna: “Non abbiamo mai visto questa persona alle nostre assemblee e molti di noi non sapevano neppure della sua esistenza”. La crisi del M5S rientra però pienamente nel quadro della crisi di tutti gli attuali partiti. Quella del Pd era emersa soprattutto durante l’elezione del presidente della Repubblica, ma anche quella del Pdl non è da meno. Ilsussidiario.net ha intervistato Paolo Cirino Pomicino.

 

Nella prima Repubblica sarebbe stato immaginabile uno sfaldamento di un partito a quattro mesi dalle elezioni, come quello che sta travolgendo il M5S?

Le cose non sono neanche paragonabili, perché il Movimento 5 Stelle tutto è tranne che un partito. Da che mondo è mondo e in tutte le latitudini, la serietà di un partito si misura sul fatto di avere alle sue spalle una cultura di riferimento. E’ proprio ciò che manca al M5S, insieme a una democrazia interna con organi collegiali che decidono. Queste sono le due condizioni perché un partito si possa chiamare tale. Purtroppo quello che si dice per il M5S si può dire in larghissima parte anche per quelli che si definiscono partiti nell’attuale sistema politico italiano. Per 20 anni ci si è mossi nell’orizzonte di partiti personali, privi di cultura, di identità e di democrazia.

 

Questa cultura di riferimento in che modo si elabora e perché è venuta a mancare negli attuali partiti?