BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

M5S/ Crimi assente in Giunta: “mi sono perso”. E il grillino Giarrusso si autosospende

Durante le votazioni per eleggere il presidente della Giunta per le elezioni, era assente proprio il capogruppo in Senato Vito Crimi. Il senatore Giarrusso, in polemica, si è autosospeso

InfophotoInfophoto

All’interno del Movimento 5 Stelle il malcontento e l’irritazione si fanno sempre più palpabili. L’episodio di oggi all'antico palazzo di Sant'Ivo alla Sapienza, adiacente a Palazzo Madama, dove si è svolta la prima riunione della Giunta per le elezioni del Senato, è piuttosto sintomatico. In questa occasione, si eleggeva il presidente dell’organismo (è stato eletto, infine, Dario Stefano di Sel). I Cinque Stelle avevano deciso di far convergere i propri voti sul grillino Michele Giarrusso, per protestare, in particolare, contro i presunti accordi sottobanco tra Pd, Pdl, e le «finte opposizioni». Alla fine, Giarrusso ha preso tre voti: il suo, quello di Serenella Fucksia, e di Maurizio Buccarella. Tutti i grillini presenti al momento della votazione. Peccato che mancasse proprio Vito Crimi, membro della Giunta nonché capogruppo dell’M5S al Senato. Un'assenza imperdonabile per Giarrusso che ha deciso, comunicandolo con un Tweet, di autosospendersi dal gruppo 5 Stelle al Senato. Poi, denunciando l’assenza di Crimi, ha detto hai cronisti: «Abbiamo passato quattro mesi a fare casino per l'ineleggibilità di Berlusconi e abbiamo un capogruppo che non si presenta al voto per il presidente della Giunta. Ognuno ne tragga le conclusioni». Crimi, dal canto suo, ha tentato di giustificarsi spiegando che «è successo un inghippo». Tra il Copasir altri mille impegni burocratici, è successo l’imprevisto: «E poi dovevo trovare il luogo, visto che era la prima volta che ci venivo. Speravo si attendesse, come in altre occasioni si è fatto, invece...».

© Riproduzione Riservata.