BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

DANIELA SANTANCHE'/ Vicepresidenza della Camera, elezione a rischio per i franchi tiratori del Pdl?

Domani la votazione che dovrebbe eleggere Daniela Santanché vicepresidente della Camera, poltrona lasciata libera da Maurizio Lupi, potrebbe rivelarsi con più intoppi del previsto

InfophotoInfophoto

Domani la votazione che dovrebbe eleggere Daniela Santanché vicepresidente della Camera, poltrona lasciata libera da Maurizio Lupi, nel frattempo nominato ministro per le Infrastrutture e i trasporti, potrebbe rivelarsi con più intoppi del previsto. La pasionaria berlusconiana, come è noto viene vista come fumo negli occhi dalla sinistra. Sel e il Movimento 5 Stelle faranno di tutto per sbarrarle la strada e potrebbero proporre un loro nome. Lei fa sapere che, in fondo, non è di certo la battaglia della sua vita, e che preferisce spendersi per far avere ai giovani un lavoro e ai pensionati una pensione decente. Resta il fatto che se i rumors e le indiscrezioni dovessero rivelarsi esatti, avrà un macigno da digerire. Se, da parte del Pd, non dovrebbero esserci particolari ostacoli («non possiamo essere noi a decidere chi va in un posto che spetta al Pdl. Come avremmo reagito noi se la volta passata i berlusconiani avessero messo un veto sulla Bindi», ha dichiarato l’onorevole scandisce Antonello Giacomelli), qualche brutta sorpresa potrebbe arrivare dal suo partito. A quanto si vocifera a Montecitorio, infatti, i franchi tiratori del Pdl potrebbero essere più del previsto. E, se già di per sé sarà dura passare con il voto di tutti i 93 onorevoli pidiellini più i leghisti e con qualche aiuto da Scelta civica e del Pd, nell’ipotesi di defesioni interne la scommessa si fa molto più arduta.

© Riproduzione Riservata.