BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCENARIO/ Poggi (saggia di Letta): Berlusconi "minaccia" la riforma del premier

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Infophoto  Infophoto

Giovedì scorso l'aula del Senato ha votato il ddl costituzionale che detta i tempi e i modi delle riforme per cambiare le istituzioni dello Stato. Il disegno di legge (approvato con 203 voti a favore, 54 contrari e 4 astenuti) ora passa alla Camera. Si prevede che possa ricevere il primo sì anche da Montecitorio entro l'estate, per poi riprendere l'iter previsto ed essere rivotato (lo richiede la doppia lettura) sia dalla Camera che dal Senato entro ottobre.
Il ddl istituisce un Comitato bicamerale dei "Quaranta", costituito dai componenti delle commissioni istituzionali di Camera e Senato più i presidenti di commissione (in realtà, dunque, sarà fatto di 42 membri) e dovrà stendere le modifiche alla nostra Carta costituzionale, accogliendo e valutando le proposte formulate dalla commissione tecnica di 35 "saggi", nominati dal presidente del Consiglio Enrico Letta e attualmente al lavoro sotto la guida del ministro per le Riforme Gaetano Quagliariello.
I 35 esperti di diritto produrranno in fase istruttoria 
delle proposte su tre temi: legge elettorale, forma di governo, Titolo V della Costituzione. I risultati saranno consegnati al comitato dei Quaranta il quale, in sede redigente, formulerà le ipotesi di riforma che dovranno essere, successivamente, votate dal parlamento. Annamaria Poggi, docente di Diritto costituzionale nell’Università di Torino e membro dei 35, ci spiega come sta evolvendo la situazione.

 

Come si sta orientando il dibattito?

Anzitutto, prende spunto dalla consapevolezza del fatto che la crisi delle istituzioni è datata. Vorrei ricordare non solo che Amato, nel 1969, lanciò l’allarme affinché fosse varata una profonda riforma istituzionale, o che la prima Bicamerale, la cosiddetta commissione Bozzi, risale al 1983, ma che addirittura i padri costituenti erano consapevoli, già allora, che in futuro il sistema avrebbe avuto bisogno di una profonda revisione. Sapevano che il parlamentarismo avrebbe potuto sfociare in una sorta di assemblearismo tale da rendere ingovernabile il Paese. Scelsero egualmente, tuttavia, un modello fortemente parlamentarizzato perché era ancora fresca la ferita del fascismo; la Dc, d'altro canto, temeva che le elezioni sarebbero state vinte dai comunisti. Insomma, il dibattito non è dettato dalla contingenza.

 

Oggi a che punto siamo?

Il fatto che la legge elettorale sia stata modificata senza una riforma contestuale della forma di governo ha fatto sì che il dibattito presenti tre posizioni: alcuni propendono per il presidenzialismo, o per il semipresidenzialismo alla francese; altri, per il mantenimento del parlamentarismo, con una correzione che prevede il rafforzamento dei poteri del premier; altri ancora, per il mantenimento dello status quo.

 

Quale sarà l’opzione prevalente? 



  PAG. SUCC. >