BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

KYENGE/ Assessore leghista paragona il ministro a una scimmia: separate alla nascita

Pubblicazione:

Foto InfoPhoto  Foto InfoPhoto

Dopo gli insulti di Roberto Calderoli, le successive polemiche e infine le scuse del vicepresidente del Senato (che comunque è stato formalmente indagato dalla Procura di Bergamo con l'ipotesi di diffamazione aggravata dall'odio razziale), sulla Lega Nord si scatena una nuova bufera. Stavolta è Agostino Pedrali, assessore ai Servizi sociali del Comune di Coccaglio, in provincia di Brescia, a pubblicare sul proprio profilo Facebook una foto del ministro per l’Integrazione Cecile Kyenge e accanto quella di un scimmia. Sopra la didascalia: “Separate alla nascita”, mentre Pedrali aggiunge un commento: "Dite quello che volete, ma non assomiglia a un orango. Dai guardate bene". L’assessore di Coccaglio ha tentato di correggere il tiro dopo le polemiche, facendo notare che la frase “dite quello che volete, ma non assomiglia ad un orango” non è seguita da un punto di domanda, quindi “la frase è affermativa", ma ormai era troppo tardi. Il Pd lombardo ha chiesto al sindaco di Coccaglio di revocare "immediatamente le deleghe all'assessore Pedrali", perché “chi ostenta idee razziste non può rappresentare le istituzioni".



© Riproduzione Riservata.