BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

REGIONE CAMPANIA/ Blitz della Guardia di Finanza, 53 consiglieri indagati per peculato

La Procura di Napoli ha notificato 53 inviti a comparire nei confronti di altrettanti consiglieri ed ex consiglieri regionali della Campania. Il reato ipotizzato è quello di peculato

Immagine d'archivioImmagine d'archivio

La Procura di Napoli ha notificato 53 inviti a comparire nei confronti di altrettanti consiglieri ed ex consiglieri regionali della Campania. L’inchiesta, coordinata dal procuratore aggiunto Francesco Greco e svolta dal pm Giancarlo Novelli, intende fare luce sull’utilizzo dei soldi del cosiddetto "Fondo per il funzionamento dei gruppi regionali", un tesoretto di circa due milioni di euro che sarebbe stato utilizzato per scopi personali, tra alberghi, ristoranti e perfino giocattoli per bambini. Il reato ipotizzato, infatti, è quello di peculato. Solamente il governatore della Regione Campania, Stefano Caldoro, sembra essere rimasto escluso dallo scandalo, visto che gli inviti a comparire della Guardia di Finanza hanno raggiunto esponenti di tutti i gruppi politici, dal Pd al Pdl, fino all’Udc, Udeur, Noi Sud e Pid. Come riporta La Repubblica, il professor Paolo Barba ha preparato una consulenza per conto della Procura da cui emerge il livello di utilizzo ingiustificato o comunque per fini personali delle risorse regionali: in cima a questa speciale classifica compaiono Idv e  Udeur (95%), seguiti da Nuovo Psi (91%), Pdl (89%) e Pd (82%). Gli avvisi emessi si riferiscono in particolare alle somme di denaro corrisposte nel biennio 2010-2012 nell'ambito dei fondi per il "funzionamento dei gruppi": gli indagati si sarebbero appropriati delle somme non utilizzandole per spese legate all'attività istituzionale.

© Riproduzione Riservata.