BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

BERLUSCONI DAY?/ 1. L'avvocato Grosso: i 3 scenari della sentenza Mediaset

Pubblicazione:giovedì 1 agosto 2013

Silvio Berlusconi Silvio Berlusconi

Il collegio della Corte di Cassazione oggi a mezzogiorno entrerà in camera di consiglio per decidere sul processo Mediaset che vede Silvio Berlusconi come principale imputato. La sentenza è attesa nel pomeriggio di oggi, dopo che nella giornata di ieri gli avvocati difensori del Cavaliere hanno replicato alla requisitoria di Antonello Mura, sostituto procuratore della Suprema corte. In appello Berlusconi era stato condannato a quattro anni di carcere per frode fiscale e a cinque anni di interdizione dai pubblici uffici. La procura generale della Cassazione ha però chiesto che quest’ultima sia ridotta a tre anni. Ilsussidiario.net ha intervistato il professor Carlo Federico Grosso, penalista dell’Università di Torino.

 

Quali sono gli scenari giudiziari legati alla sentenza per il processo Mediaset?

Allo stato delle cose il quadro si è assolutamente semplificato. La Cassazione potrebbe teoricamente respingere o accettare le accuse, in questo secondo caso confermando la sentenza della Corte d’appello. Potrebbe inoltre respingere i ricorsi delle difese, ma accogliere la modifica per quanto riguarda la durata della pena accessoria relativa all’interdizione dai pubblici uffici. A questo punto si troverebbe di fronte a un’alternativa: o stabilire essa stessa l’entità della sanzione interdittiva, o rinviare alla Corte d’appello di Milano per la sola durata della pena interdittiva.

 

Che cosa accadrebbe invece se la Cassazione accettasse i ricorsi delle difese?

I giudici potrebbero accogliere uno o più motivi della difesa sviluppati dagli avvocati dell’onorevole Berlusconi. Ciò può avvenire seguendo due strade diverse: annullando la sentenza della Corte d’appello, rinviandola a quest’ultima, se ritiene che ci sia un vizio di motivazione che non può essere colmato con una rivalutazione da parte del giudice di merito d’appello. Oppure addirittura, come auspica il difensore di Berlusconi, professor Franco Coppi, è possibile un annullamento senza rinvio che sarebbe una chiusura totale in senso assolutorio nei confronti del presidente.

 

Quali possono essere le conseguenze della sentenza?


  PAG. SUCC. >