BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

DE MAGISTRIS/ Il sindaco-pm non rimuove due assessori indagati e pensa di ricandidarsi

Pubblicazione:

Luigi De Magistris (InfoPhoto)  Luigi De Magistris (InfoPhoto)

“Io ricandidato sindaco? Non lo nascondo, l’idea mi intriga. D’altra parte è abbastanza naturale per il primo cittadino di una grande città immaginare di confrontarsi sul lungo periodo, sulla sua capacità di incidere sul cambiamento in un ciclo di dieci anni”. Nonostante le inchieste giudiziarie che hanno scosso in più occasioni Palazzo San Giacomo, gli attacchi agli assessori e una città insoddisfatta che sembra avergli voltato le spalle, il primo cittadino di Napoli Luigi De Magistris annuncia al quotidiano Il Mattino di immaginare un secondo mandato, dal 2016 al 2021. Non si placano però le polemiche dopo la scelta del sindaco di “perdonare” i suoi due assessori Tommaso Sodano e Giuseppina Tommasielli: il primo, anche vicesindaco, deve rispondere di abuso d'ufficio per una consulenza assegnata, mentre per la seconda, titolare delle deleghe salute e sport, è stato ipotizzato il reato di falso per 700 euro di multe cancellate a parenti. “Questa storia mi ha profondamente colpito – ha detto De Magistris durante l’intervista al quotidiano partenopeo -. Mi sono anche molto arrabbiato con Pina (Tommasielli, ndr), gliel’ho detto con chiarezza: al suo parente doveva semplicemente consigliare di chiedere informazioni ai vigili urbani. Invece si è a sua volta informata, e questo ha dato adito a ombre. Ma ci ho pensato molto, e alla fine dico che è un errore che si può perdonare”. L’Idv Campania non ha però gradito la scelta del primo cittadino: "De Magistris reintegra Tommasielli e Sodano? E' un modo singolare di concepire la politica dei due pesi e due misure", hanno detto i coordinatori Antonio Palagiano e Nello Di Nardo. Anche Pietro Rinaldi e Vittorio Vasquez, del gruppo "Federazione della sinistra-Laboratorio per l'alternativa", hanno deciso di autosospendersi dalla maggioranza.



© Riproduzione Riservata.