BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

BERLUSCONI/ Io resisto! non mollo, resto il capo del centrodestra: il post su Facebook

Pubblicazione:

Foto InfoPhoto  Foto InfoPhoto

Silvio Berlusconi usa il social network più popolare per rispondere alle voci e alle ipotesi rimbalzate negli ultimi giorni anche da parte di esponenti del centro destra sulla necessità che si faccia da parte. L'ultimo era stato ieri l'ex presidente del senato Marcello Pera che pur riconoscendo che le recenti condanne del cavaliere fossero quantomeno discutibili, chiedeva un nuovo leader per salvare il centrodestra. Ma Berlusconi non ci sta. Ecco cosa ha scritto su Facebook: "Io resisto! non mollo. State tranquilli che non mi faccio da parte, resto io il capo del centrodestra. Farò sino all'ultimo l'interesse del paese e degli italiani. Andate avanti con coraggio. Non vi farò fare assolutamente brutte figure. Prepariamoci al meglio". Chiusa ogni ipotesi dunque anche se l'ex ministro Rotondi parlava di una cena di qualche giorno fa in cui si era discusso di un nuovo capo. I tempi si fanno intanto stretti per il voto in giunta sulla decadenza di Berlusconi dal ruolo di senatore, e gli animi dei fedelissimi si infiammano. Per Schifani se il Pd si rendesse indisponibile a votare a favore di Berlusconi, sarebbe impossibile continuare l'alleanza di governo. Osvaldo Napoli critica invece le parole dette ieri da Letta al Meeting di Rimini ("sarà punito dagli italiani chi pensa a interessi personali"): "Nei ragionamenti del Pd   c'è un sovraccarico di ipocrisia che rischia di pesare sulla stabilità dell'esecutivo" ha detto. Per Napoli. quella di Berlusconi è una vicenda giudiziaria e, come tale, sicuramente personale. "Ma sostenere che quella vicenda si esaurisce come fatto personale significa prendere un abbaglio, cosa non consentita a nessun partito che abbia davvero a cuore gli interessi dell'Italia". Gianfranco Rotondi invece minaccia le dimissioni di massa dei parlamentari Pdl se verrà votata la decadenza di Berlusconi. 



© Riproduzione Riservata.