BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

LETTA CADE?/ Sorgi: il Pdl "ostaggio" del pensiero unico berlusconiano

Enrico Letta e Angelino Alfano Enrico Letta e Angelino Alfano

In altre parole, Quagliariello dice le stesse cose di Schifani. Se la giunta vota la decadenza di Berlusconi, il Cavaliere da parte sua andrà incontro a nuovi provvedimenti da parte della magistratura. Il centrodestra a quel punto voterà la sfiducia al consiglio dei ministri e il Paese dovrà affrontare non soltanto a una crisi di governo, ma anche a una crisi generale.

 

Berlusconi su Facebook ha scritto “Io non mollo”…

Berlusconi sta andando incontro a un voto di Palazzo Madama sulla sua decadenza da senatore, all’esecuzione di una condanna a un anno di carcere, nonché a un’interdizione dai pubblici uffici che sarà ricalcolata dal tribunale di Milano. Ormai quindi si tratta di una strada senza uscita.

 

Quali conseguenze avrebbe una crisi di governo nel momento in cui non abbiamo una legge elettorale?

La Consulta con ogni probabilità dichiarerà incostituzionale l’attuale legge elettorale e indicherà le linee attraverso le quali riformare la norma in vigore. Non si tratta però di una cosa di oggi e neanche di domani, bisognerà quindi aspettare dicembre e poi nella prossima primavera si andrà al voto.

 

Nel frattempo il Senato dichiarerà la decadenza di Berlusconi …

Bisognerà vedere con che tempi lo farà. Il caso di Berlusconi rappresenta infatti il primo caso in cui è applicata la legge Severino, e non sappiamo ancora bene come funzionerà il suo meccanismo. Il centrodestra farà di tutto per procrastinare e temporeggiare, per togliere d’impaccio il Cavaliere, bisognerà poi vedere quale sarà l’atteggiamento del centrosinistra.

 

(Pietro Vernizzi)

© Riproduzione Riservata.