BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

D’ALEMA/ Letta non ha futuro, il Pd vince con Renzi

Pubblicazione:venerdì 23 agosto 2013

Massimo D'Alema (Infophoto) Massimo D'Alema (Infophoto)

“Letta è solo un leader di transizione per un governo momentaneo e con un programma di scopo. Non sarà utile una seconda volta. Per il futuro immagino Gianni Cuperlo alla segreteria del partito e Matteo Renzi a Palazzo Chigi”. Questa la nuova previsione di Massimo D’Alema, intervenuto alla festa del Pd a Taizzano, frazione di Narni (Terni). L’ex premier, secondo quanto riportato dal Fatto Quotidiano, ce ne ha per tutti, da Berlusconi fino a Grillo. Proprio il Cavaliere, ha detto, “dovrebbe dimettersi. E prima o poi lo farà. Potrà continuare a fare politica anche fuori dal Parlamento come insegna Grillo, che non è in Parlamento perchè non vuole ma perchè non può. È pregiudicato per un reato odioso, l'omicidio colposo. Quindi Berlusconi anche come pregiudicato arriva per secondo. Prima Grillo poi lui. Eppure tutti e due hanno milioni di voti. Perchè milioni di italiani odiano i politici ma amano i pregiudicati, diciamo”. Secondo D’Alema, “Berlusconi non ha altre vie d'uscita che quella di accettare la sentenza e quindi la condanna. Andrà ai domiciliari e poi ai servizi sociali. Siamo alla resa dei conti, al redde rationem e non per un complotto planetario ma per i reati che ha commesso”. Nel caso in cui si dovesse andare al voto, ha aggiunto l’ex presidente del Copasir, “noi siamo pronti. Ma non credo. Berlusconi sa che siamo quindici punti avanti con Renzi leader. E anche se siamo specialisti nel perdere anche quando vinciamo stavolta non faremo errori”. Le parole di D’Alema hanno suscitato la reazione di Sandro Bondi, coordinatore del Pdl: “In tanti anni non ho mai ascoltato da quest'uomo un solo pronostico azzeccato, ma soprattutto non ho mai ascoltato una sola parola di umana e politica comprensione delle ragioni degli altri, una sola parola di rispetto per gli avversari politici e di intelligenza vera della realtà politica del nostro Paese”.



© Riproduzione Riservata.