BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

BERLUSCONI/ Sallusti: la nuova Forza Italia dei falchi

Silvio Berlusconi (Infophoto) Silvio Berlusconi (Infophoto)

Non credo. La leadership di Berlusconi è indiscutibile, e la sintesi politica, alla fine, non la fanno né i falchi né le colombe, ma lui. Tutto il resto sono personalismi che non spostano di un millimetro la prospettiva del partito.

 

Ci potrebbero essere scissioni e divisioni, qualcuno potrebbe confluire in un nuovo partito, con Letta magari

Ma no, è un film già visto: all’apice della presunta popolarità del governo Monti, in molti, nel Pdl, furono tentati dal superamento del berlusconismo e dalla creazione di un nuovo soggetto politico. Bastò che Berlusconi schioccasse le dita e tutti tornarono a casa.

  

Perché dovrebbe essere così anche questa volta?

Nessuno tra costoro vanta di consenso elettorale proprio. Inoltre, non stiamo certo parlando di cuor di leone. E poi, lascerebbero Berlusconi per fare cosa?

 

Il centro.

L’esperienza insegna che in Italia il centro è destinato al fallimento. Da Casini e Monti, sono tutti spariti nel nulla.

 

Il Pdl post elezioni non rischia di talebanizzarsi?

Questa è la versione di chi si è ritagliato nel Pdl un ruolo da funzionario e, ora, teme di perderlo. Non c’è ragione perché Forza Italia debba estremizzarsi. Lo spirito del ’94, a cui vuole tornare il partito, era tutt’altro che di destra radicale.

 

Cosa ne pensa dello scontro tra la Santanchè, espressione dei falchi, e le colombe (Quaglieriello, Sacconi, Cicchitto, Gasparri, ecc…)?

Nel centrodestra c’è un’ossessione per la Santanchè. Un’ossessione priva di fondamenta politiche. Lei interpreta il ruolo della linea dura nei confronti di papocchi come l’alleanza con Monti e con la sinistra. Il che non mi pare una pericolosa minaccia per la democrazia o per un partito liberale. Del resto, il comunicato di Angelino Afano - che non mi risulta essere un pericoloso falco -, poteva tranquillamente essere firmato anche dalla Santanchè. Di conseguenza, le questioni politiche stanno a zero.

 

(Paolo Nessi)

© Riproduzione Riservata.