BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

TAGLIO TRIBUNALI/ Cancellieri: la riforma partirà a settembre. La replica di Gasparri: atto gravissimo

Pubblicazione:

Il ministro Cancellieri (InfoPhoto)  Il ministro Cancellieri (InfoPhoto)

Una “riforma epocale" attraverso cui "recuperare efficienza". Così il ministro della Giustizia, Annamaria Cancellieri, intervistata da Il Messaggero, ha definito il taglio degli uffici giudiziari che prenderà il via il prossimo 13 settembre. “Può darsi che all'inizio ci saranno problemi di avvio, ma bisogna ragionare con buon senso perché il meglio è nemico del bene. La legge ci dà due anni di tempo per mettere mano ad eventuali correttivi, se necessari. Ma la riforma ora deve partire e partirà", ha assicurato il ministro. Il provvedimento porterà alla chiusura di 947 uffici giudiziari, praticamente uno su due: tra questi si contano 30 tribunali, 30 procure, 220 sezioni distaccate e 667 sedi di giudice di pace, che comporterà il trasferimento di 7.300 dipendenti e di 2.700 magistrati. Il tutto dovrebbe far risparmiare allo Stato circa 80 milioni di euro. Le dichiarazioni della guardasigilli hanno però scatenato la reazione di Maurizio Gasparri, vicepresidente del Senato, il quale ha ricordato che “il Parlamento ha votato all'unanimità per un rinvio della soppressione della chiusura dei tribunali. Se il ministro Cancellieri procederà ugualmente farà una scelta grave e in contrasto con la volontà delle Camere. Sarebbe un atto gravissimo che renderebbe ancora più precaria la vita del governo".



© Riproduzione Riservata.