BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

BERLUSCONI CONDANNATO/ Taormina: sentenza ingiusta, un "attentato" dei Pm ai moderati

Pubblicazione:sabato 3 agosto 2013

Taormina Taormina

Sono convinto del fatto che la reazione debba essere molto forte. La prima cosa che deve fare il centrodestra è ritirare la sua fiducia al governo Letta. Le larghe intese sono state una trappola nella quale Berlusconi è caduto, perché si è convinto del fatto che restando al governo avrebbe avuto maggiori possibilità di una soluzione positiva della vicenda.

 

Senza una nuova legge elettorale sarà impossibile andare a nuove elezioni...

Proprio per questo il secondo passo da fare sono le dimissioni in massa di tutti i parlamentari del Pdl, in modo da evitare qualsiasi possibile resistenza allo scioglimento delle camere. Occorre ritornare a elezioni immediate, con la faccia di Berlusconi e con un candidato premier che può essere per esempio Maurizio Lupi. A quel punto la vittoria è assicurata, perché il popolo berlusconiano, soprattutto quello che non ha votato alle ultime elezioni, è pronto a stringersi intorno al Cavaliere.

 

E una volta vinte le elezioni?

Si tratterà di mettere a posto le cose in sede legislativa. Non dimentichiamoci che oggi Berlusconi deve lasciare il Senato perché Monti e Napolitano hanno fatto passare una legge, preparata apposta per escludere Berlusconi in quanto prevedevano la sentenza della Cassazione. Un governo che si è formato con l’obiettivo di risanare l’economia ha quindi creato una trappola perché Berlusconi in caso di condanna potesse essere cacciato dal Senato. Nel nuovo Parlamento, in cui la maggioranza di centrodestra sarà forte, bisognerà approvare una nuova legge per consentire al Cavaliere di rimettersi in sella.

 

(Pietro Vernizzi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.