BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SCENARIO/ Berlusconi e i tre indizi che ci avvicinano al voto

Silvio Berlusconi (Infophoto) Silvio Berlusconi (Infophoto)

Adesso i democratici non hanno via di scampo: votando contro le questioni poste da Augello di fatto voteranno subito a favore della decadenza di Berlusconi, senza però che questo sia effettivamente avvenuto. Chi è riuscito a parlare con il leader del Pdl nelle ultime ore lo descrive come furioso con i democratici, e le parole di Schifani, concordate virgola per virgola con Arcore, lo confermano: "Se i democratici votano contro le pregiudiziali non credo che si potrebbe più parlare di maggioranza a sostegno del governo". 

Si tratta di una sorta di ultima chiamata rivolta al Quirinale e a Palazzo Chigi, per chiedere un intervento autorevole e forte in nome della stabilità di governo. Ma tanto Napolitano quanto Enrico Letta hanno le mani legate e non possono fare molto, almeno in questa fase. Il rischio che – in questo clima – l'assemblea di mercoledì si trasformi in una sorta di dichiarazione di guerra all'esecutivo è molto alto, anche se non si possono escludere a quel punto mosse a sorpresa, soprattutto del Quirinale, dove si starebbe pensando a un messaggio televisivo alla nazione in caso di crisi aperta dal Pdl. 

L'eterna lotta dentro il Pdl fra falchi e colombe conosce quindi un inaspettato sorpasso dell'ala dura sui moderati. Spegnere questi focolai d'incendio per il Capo dello Stato diventa di ora in ora più difficile.

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
10/09/2013 - Il diavolo non fa i ...coperchi (Luigi PATRINI)

Sono convinto che una crisi sarebbe oggi molto pesante e assai dannosa per il nostro Paese, perché le ultime elezioni - anche se qualche politico non sembra averlo capito - hanno reso evidente la necessità della "grande coalizione" e di superare il folle "bipolarismo muscolare" che ha corrotto il Paese in questi ultimi vent'anni. Quel che succederà sarà comunque utile a far capire a tutti chi ama veramente il popolo italiano più che i propri personali interessi; inevitabilmente i disegni di molti cuori saranno svelati (Lc. 2, 35). Per questo continuo ad essere "curioso", più che "preoccupato": curioso di vedere come il Signore ci farà uscire da questo "casino" in cui la inaudita sordità di troppi politici e l'ottusa e ingenua ignavia di tanti elettori ci hanno cacciato. Lo capiremo presto, perché il diavolo è maestro nel costruire ...pentole, di cui poi non riesce mai a costruire i ...coperchi!