BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

BERLUSCONI/ Il medico personale: è stressato, ma sarebbe pronto anche al carcere

"Quello che sta capitando a Berlusconi è stressante, non solo per lui. Ma la decadenza non gli nuocerebbe e nemmeno il carcere". Lo ha detto a La Zanzara il medico personale del Cavaliere.

Silvio Berlusconi (Foto InfoPhoto) Silvio Berlusconi (Foto InfoPhoto)

Tutto ciò che sta vivendo Silvio Berlusconi "è stressante, ma non solo per lui". Nonostante questo, "la decadenza non gli nuocerebbe e nemmeno il carcere. Fisicamente sarebbe pronto, è un uomo coraggioso". A dirlo è Alberto Zangrillo, il medico personale del Cavaliere, intervenuto alla trasmissione radiofonica La Zanzara su Radio 24. Rispondendo al Fatto Quotidiano, che nei giorni scorsi annunciava la nomina del medico di Berlusconi al Consiglio superiore della Sanità da parte del ministro della Salute Beatrice Lorenzin, Zangrillo rivela di esserne già membro da tempo: "Lo sono dal 2009, e quando è arrivato l'ex ministro Balduzzi mi ha confermato pur non essendo berlusconiano. Non prendo un euro, lo faccio a titolo gratuito e sono apprezzato anche da miei colleghi di sinistra". Fare il medico di Berlusconi, ha poi concluso Zangrillo, "è un grosso onere, ma anche un danno professionale. Dovevo diventare rettore del San Raffaele e poi non lo sono diventato, andate a leggere quello che diceva la De Monticelli, professoressa del mio ateneo. E comunque non si diventa ricchi facendo il medico di Berlusconi".

© Riproduzione Riservata.