BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

CANONE RAI/ Rossi (Sc): la mia proposta per eliminarlo

MAURIZIO ROSSI (Sc) spiega la sua proposta: inaugurare un dibattito parlamentare per definire il concetto di servizio pubblico, prima di rinnovare la convenzione con la Rai

InfophotoInfophoto

Perché dobbiamo sborsare 113 euro all’anno alla Rai? Perché dobbiamo farlo nonostante, magari, non accendiamo la tv da mesi, quando l’accendiamo non guardiamo i programmi Rai e quando li guardiamo cambiamo canale? Perché sì. Un principio di contabilità inversa ha fatto in modo che, per anni, il pagamento del canone fosse in contrasto con qualunque logica di mercato, efficienza, equità e bene comune. Lo ha denunciato il senatore di Scelta civica Maurizio Rossi: la Rai sta cercando di ottenere un rinnovo ventennale (2016/2036) della convenzione con lo Stato. Ora, dato che le entrate provenienti dal canone ammontano a 1 miliardo e 800 milioni di euro, e che l'evasione è stimata in 600 milioni di euro, "il valore complessivo del canone annuo è di circa 2 miliardi e mezzo, che, per 20 anni, sarebbero 50 miliardi di euro (pubblicità esclusa)". 50 miliardi - sia ben inteso - a prescindere. Ovvero, le spese della Rai, divise per il numero di cittadini. Abbiamo chiesto al Senatore qualche delucidazione.

Perché ha chiesto al viceministro per lo Sviluppo economico Catricalà che non si proceda alla stipulazione della convenzione senza che siano verificate una serie di questioni?

Nel 2016 scade la convenzione tra Stato e Rai. Il rinnovo non è possibile senza che i suoi termini siano vagliati e approvati dal Parlamento. Nessuna istituzione, infatti, dispone della facoltà di apporvi la firma. Ritengo che, quando sarà il momento, Camera e Senato dovranno anzitutto interpellarsi, dopo 20 anni, sul significato del concetto di “servizio pubblico”.

Ci spieghi.

Non è più accettabile che i cittadini paghino un canone piuttosto oneroso per qualcosa che viene descritto come servizio pubblico, senza che sia stato definito cosa esso sia. Mi spiego: i reality show, le fiction, i programmi di intrattenimento, i game show e via dicendo, sono forse servizio pubblico? Tale definizione è inesistente non solo in riferimento alla tv, ma anche alla radio e al web.

Considerando la pluralità dell’offerta informativa e la lottizzazione dei tg, ha ancora senso parlare di servizio pubblico?

E’ indubbio che, ormai, sul web uno può trovare tutta l’informazione di cui ha bisogno, mentre secondo l’osservatorio di Pavia non solo la Rai è spartita tra le forze parlamentari, ma neppure rispetta la par condicio e l’equilibrio tra i partiti; non lo fa nei telegiornali locali e nazionali, nei programmi di approfondimento e nei talk. Inoltre, se devo pensare ad un programma che realmente svolga un servizio utile per la collettività, l’unico che mi viene in mente è Isoradio. Ma non è mio compito entrare nel merito.

No?