BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCENARIO/ Rondolino: Berlusconi si dimette e fa fuori Renzi e il Pd

Pubblicazione:martedì 17 settembre 2013

Infophoto Infophoto

Escamotage, artifizi giuridici, obiezioni tecniche non basteranno, salvo eclatanti imprevisti, a scongiurare l’inevitabile decadenza di Berlusconi da senatore. La Giunta per le elezioni ne voterà la fuoriuscita dal Parlamento. Poi, il Pdl potrà sollevare tutte le questioni di legittimità costituzionale che vorrà e giocarsela presso la Corte del Lussemburgo o quella di Strasburgo. Si può, infatti, comprensibilmente contestare la retroattività della legge Severino, che prevede l’incandidabiltà a tutte le cariche pubbliche per i cittadini condannati a più di 4 anni di reclusione, laddove la pena inferiore prevista per il reato per cui si è stati condannati non sia inferiore ai 2; ma solo a livello di principio. La maggioranza dei senatori della Giunta, infatti, vuole cacciare Berlusconi dal Parlamento e lo farà. Oppure no. Perché, forse, il Cavaliere potrebbe effettivamente decidere dimettersi un minuto prima del voto. Abbiamo chiesto a Fabrizio Rondolino, giornalista e scrittore, cosa accadrebbe in questo caso.


E’ verosimile che Berlusconi renda inutile il voto della Giunta, rassegnando le dimissioni da senatore?

E’ una voce insistente. Anche se, come tutte le altre che riguardano Berlusconi, va presa con le pinze. Di certo, ci sta ragionando sopra seriamente. Dal punto di vista politico non sarebbe una mossa del tutto sbagliata. La scelta dipenderà dalle sue valutazioni finali, attualmente insondabili, circa la convenienza di un gesto del genere. Ovvero: risulterà più forte inaugurando un’ultima battaglia contro i giudici, o facendo un passo indietro, e rimanendo nel crocevia del potere? Se, oltretutto, le dimissioni fossero accompagnate da un solenne giuramento di fedeltà verso il governo Letta volto a farlo durare anche un’intera legislatura, questo metterebbe in difficoltà il Pd.

 

Perché?

Perché il Pd, pur non potendo ufficialmente auspicare la crisi, soffre parecchio l’alleanza con Berlusconi. A quel punto, si troverebbe costretto a prolungare la convivenza. Renzi, poi, dal canto suo risulterebbe piuttosto spiazzato. Ha i motori accesi ormai da un paio d’anni, e tenerli accesi per altri due lo sfiancherebbe. Gli unici a rallegrarsi sarebbero quanti, attualmente, hanno formalmente ancora la maggioranza nel Pd, l’establishment; ovvero i bersaniani, gli epifaniani e via dicendo. Pure loro soffrirebbero politicamente, ma avrebbero così congelato Renzi.

 

Non crede che l’eventuale scelta di Berlusconi di tenere in vita il governo dipenda anche dal fatto che la sua caduta sarebbe particolarmente invisa alla cancellerie internazionali?


  PAG. SUCC. >

COMMENTI
17/09/2013 - E' bella la strada... (Luigi PATRINI)

Va bene ...sognare, ma non esageriamo: se accarezzi troppo un sogno, rischi di scambiarlo per realtà! Meglio accogliere il reale e camminarci dentro, con i piedi per terra e la testa rivolta in avanti. Siamo quasi in autunno... Kierkegaard diceva che in autunno cadono le foglie perché l'uomo, camminando nel bosco della vita, quando alza gli occhi al cielo possa vedere le stelle! Vederle, non ...sognarle!

 
17/09/2013 - commento (francesco taddei)

signor rondolino, la nostra, ancora, è una democrazia delegata e in teoria gli eletti hanno un contratto da dipendenti con gli elettori. non dovrebbero fare di testa propria, o peggio essere subalterni ad attori esteri (europa). dovrebbero ricercare il consenso per le loro scelte e l'approvazione degli elettori. non posso scegliermi il candidato, hanno la facoltà di negare l'autorizzazione a procedere e su alcune cose la costituzione impedisce il ricorso al referendum. abbiamo proprio un'idea diversa di democrazia.