BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

BERLUSCONI/ Rotondi (Pdl): la "nuova" Forza Italia prende il peggio del Pd

Angelino Alfano e Gianfranco RotondiAngelino Alfano e Gianfranco Rotondi

Questa è una tendenza che si può assecondare o contrastare. Io la contrasto e ritengo che sia un errore il fatto che i cattolici non segnino un nuovo momento di unità. Il centrodestra, se vuole dispiegarsi al massimo delle sue potenzialità, deve ottenere tutti i voti dei cattolici.

 

Nel nuovo centrodestra ci sarà spazio anche per Casini?

Sì, c’è spazio. Il professor Buttiglione del resto in un’intervista a Il Mattino di martedì propone una lista unitaria del Partito Popolare Europeo, e posso dire da subito che io sono d’accordo con lui.

 

Perché ha annunciato che si candiderà alle Primarie del centrodestra?

La mia candidatura alle Primarie è uno strumento per dire con più forza ciò che le ho spiegato finora. La mia posizione non mira affatto a escludere o a marginalizzare i liberali del centrodestra. La stessa Dc annoverava eminenti liberali anche ai suoi vertici, da Alcide De Gasperi che era un cattolico liberale, a Ezio Vanoni e Guido Carli. Posso assicurare, se mi consente una battuta, che nel governo Rotondi il ministro dell’Economia sarà sicuramente Antonio Martino.

 

Come vede il futuro del governo Letta?

Mi auguro che il governo Letta duri cinque anni, come del resto afferma ogni giorno anche il capogruppo del Pdl, Renato Brunetta.

 

Il governo rischia di cadere sull’Iva?

Non cadrà, in quanto Letta ha a sua volta una cultura economica che recepisce le stesse preoccupazioni di Brunetta. Non dimentichiamoci che nella Prima Repubblica, il democristiano Letta sedeva in parlamento più a destra del socialista Brunetta. Sono fiducioso sulla capacità del nostro capo del governo di trovare la quadra anche per quanto riguarda la questione tasse, in quanto Letta è l’uomo giusto nel momento giusto.

 

(Pietro Vernizzi)

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
25/09/2013 - commento (francesco taddei)

il ppe non è certo l'erede del partito di Sturzo! anzi, è l'esecutore accondiscendente dello statalismo accentratore degli euroburocrati senzapopolo. hanno ragione gli inglesi a tenersene fuori. dobbiamo essere un'unione multipolare, simile alla svizzera, non andare verso il soviet democratico. e per ritrovare i voti cattolici, invece dei cristianosociali italiani guardiamo più ai benedettini!