BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

BERLUSCONI/ Un colpo di scena dietro l'ultima follia del Cavaliere?

Pubblicazione:lunedì 30 settembre 2013

Silvio Berlusconi (Infophoto) Silvio Berlusconi (Infophoto)

Si delinea così la più grave crisi della storia repubblicana, che coincide con la più grave crisi economica dal dopoguerra che l'Italia vive come unico paese europeo in recessione. A ciò si aggiunge un contesto di generale sfiducia nella classe politica. Una somma di fattori pericolosa per la stessa tenuta democratica ed è ovvio che in una situazione del genere il ruolo di Giorgio Napolitano − per esperienza politico-istituzionale, credibilità internazionale e chiaro disinteresse personale − è naturalmente destinato a crescere.

La rottura consumata dal Cavaliere nei suoi confronti è un altro mistero berlusconiano. Napolitano si era esposto personalmente a favore del lodo Violante per sospendere il voto su Berlusconi rinviando la materia alla Corte costituzionale, ricevendo minacce di impeachement (da M5S e estrema sinistra). Paradossalmente, proprio quando Berlusconi lo accusava di essere il "regista" del giustizialismo il presidente della Repubblica si trovava ad un convegno della Fondazione Craxi dedicato al ruolo svolto dal premier socialista.

Al capo dello Stato tocca quindi gestire una crisi così infuocata che non ha precedenti nemmeno negli anni della "guerra fredda" con in campo i principali partiti che hanno vertici estremamente fragili, incerti e vulnerabili del tutto incapaci − finora − di resistere alle voci più estremiste.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  

COMMENTI
30/09/2013 - Ci sarà qualche mano ...mozzata? (Luigi PATRINI)

Forse la realtà è più semplice di quanto si creda: Dio confonde quelli che vuol perdere. Certamente questa crisi difficilissima farà chiarezza sulle responsabilità personali di ciascuno. Degli amici e degli avversari del Cavaliere... di tutti e di ciascuno.