BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

GOVERNO/ L'articolo di Tracce: Il nostro compito nella crisi

Foto InfoPhotoFoto InfoPhoto

Questa situazione interroga tutti. Ma a noi cristiani pone una domanda in più: che aiuto può dare la fede per affrontarla? Come può aiutarci a leggerla, a giudicarla, a viverla? Insomma, che contributo possiamo dare noi ai nostri fratelli uomini, anche in una circostanza di questo tipo? Dobbiamo rassegnarci ad essere in balìa degli eventi, schieramento tra gli schieramenti che si rimescolano in un gioco di poteri sempre più sterile, o abbiamo qualcosa di nuovo da offrire? È una domanda aperta da tempo, perché la realtà degli ultimi mesi ci sta obbligando a farci i conti. Ma adesso è ancora più acuta, drammatica. Facciamo più fatica a ridurne la portata. E forse per certi versi è un bene, anche se suona strano dirlo: non ci può bastare parlare del cristianesimo, appellarci fatalisticamente a una fede astratta, che non incida sugli interessi e i problemi della vita. Possiamo solovedere, strada facendo, se è qualcosa di reale, che regge agli urti delle tempeste. 
Saranno una prova per tutti, questi giorni. Per chi è in Parlamento o sugli scranni del governo, ed è impegnato a cercare vie d’uscita a questa impasse, e per noi, per chiunque di noi, ovunque siamo. E la sfida è identica. Potremo vedere tutti se quello che diciamo e facciamo nasce soltanto da una reazione verso qualcuno («i politici», «loro», «gli altri…») o avrà dentro qualcosa di nuovo. Una prospettiva per cui il bene comune torni davvero a contare più dell’interesse personale. O per cui, come diceva don Giussani, in virtù dell’esperienza che si vive, si possa «guardare con simpatia» l’altro anche se «antipatico» - anche se lontano -, perché solo questo «introduce qualcosa di nuovo nel mondo» e permette di generare, di tornare a costruire. Non basta parlarne, appunto. Ma se lo vedremo accadere in noi, potremo offrirlo a tutti. Pure in questo tempo di crisi. Soprattutto in questo tempo di crisi.

© Riproduzione Riservata.