BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SCENARIO/ Damiano (Pd): Renzi leader? Non saliremo sul carro del vincitore...

Matteo Renzi (Infophoto) Matteo Renzi (Infophoto)

E’ stata una scelta intempestiva e deleteria, che ha anteposto la logica dello schierarsi partigianamente a quella dei contenuti. Insomma, la battaglia mediatica ha prevalso su quella politica.

 

Non le pare che i candidati abbiamo ignorato la grande questione e cioè  la crisi economica?

Purtroppo l’attenzione ai contenuti è debole. Ripeto, bisogna riabituare il partito a questa attenzione.

 

Renzi ha in mente un partito leggero, “liquido”, poco strutturato sul territorio, funzionale, prevalentemente, a vincere le elezioni. Gli ex Ds, invece, pensano a un partito tradizionale, radicato sul territorio, dotato di strutture e apparati. Quale formula si addice di più al Pd?

Non mi spaventa la parola “tradizione”, e la si può legare all’innovazione. D’altra parte, noi tutti abbiamo imparato a costruire forum, agorà, a usare il web, fare teleconferenze a via dicendo. Detto questo, vorrei un partito che fa contare gli iscritti e li chiama per far eleggere il suo segretario, mentre chiama i cittadini per far eleggere il candidato premier di coalizione. Queste due figure, infine, dovrebbero essere distinte.  

 

(Paolo Nessi)

© Riproduzione Riservata.