BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

LA STAMPA & CORRIERE/ La fusione salta, ecco perché

A ben guardare, spiega GIANLUIGI DA ROLD, lo scontro all’interno di Rcs è in fondo la fotografia di quello che sta avvenendo nel Paese nello scontro tra i cosiddetti poteri forti

Infophoto Infophoto

Sembra una partita che ormai si gioca sottotraccia quella de Il Corriere della Sera. Eppure, quando la Fiat (forse “servita” dall’Amministratore delegato di Mediobanca, Alberto Nagel) si prese il pacchetto di azioni di Giuseppe Rotelli, Diego Della Valle cominciò a sfornare una serie di dichiarazioni di “fuoco” contro tutta l’operazione. La contrapposizione tra il “signor Tod’s” e John Elkann divenne un clamoroso caso di scontro tra poteri all’interno di Rcs-Corriere della Sera. Probabilmente mai nella storia, ultracentenaria, del giornale di via Solferino era accaduto un fatto del genere. Forse, per fare un paragone di una simile tensione all’interno del giornale, bisognerebbe risalire agli anni Venti del secolo scorso, quando intervenne direttamente il ras del fascismo Roberto Farinacci per esautorare Luigi Albertini, oppure alla fine degli anni Settanta, quando lo scandalo della P2 travolse il gruppo dirigente di Rcs, da Angelo Rizzoli a Bruno Tassan Din.

A ben guardare, lo scontro all’interno di Rcs è in fondo la fotografia di quello che sta avvenendo nel Paese nello scontro tra i cosiddetti “poteri forti”, oggi diventati sempre di più “poteri deboli”. In effetti, al momento, una visione complessiva che unisca competenza, coraggio e seri investimenti, sembra introvabile a qualsiasi livello. La stessa cosa pare avvenga in via Solferino.

È evidente che il giornale cartaceo, anche se prestigioso e influente, debba fare i conti, in tutti i sensi, con il nuovo mondo della comunicazione. Non è più sufficiente aprire un sito internet, correre dietro a qualche sinergia improvvisata. Il problema è ormai epocale nel mondo della comunicazione e dell’informazione. In breve, per Il Corriere della Sera, occorre ripensare a un nuovo ruolo e a sinergie innovative e molto ampie. Ma nessuno sembra in grado di poterlo fare.

E allora che cosa sta succedendo dopo la “sfuriata” di Diego Della Valle contro John Elkann e la Fiat? Si resta in stallo, oppure in stand-by, per usare il linguaggio oggi di moda. Si sta facendo una sorta di “guerra di posizione”, in attesa che maturino alcune aspettative finanziare e alcune occasioni di investimento e di nuove sinergie. E magari anche alcuni accordi vantaggiosi. Nel frattempo si costruiscono fantasiose architetture e fusioni avveniristiche.

Prima della fine del 2013 si rincorrevano diverse voci. La prima era quella di una imminente fusione tra il giornale per antonomasia della Fiat, La Stampa di Torino, e il Corriere. Si parlava, neppure tanto sottovoce, di un’ unica direzione, quella di Mario Calabresi. Allo stesso tempo circolavano voci insistenti su uno scorporo da Rcs dell’informazione sportiva, fatto, si dice, che avrebbe interessato direttamente Diego Della Valle e qualche suo amico di vecchia data. Insomma, una sorta di “rivoluzione” e un riassetto che avrebbe comportato investimenti onerosi.

Salvo restando che, se qualcuno avesse voluto, poteva intervenire direttamente, pagando e salendo nell’azionariato di Rcs. In altri termini, si faceva capire da Torino, se Della Valle voleva, il Corriere se lo poteva pure comprare.