BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SCENARIO/ Nardella (Pd): Alfano, ok il modello dei sindaci se a larga maggioranza

Per DARIO NARDELLA, La legge elettorale del doppio turno dei sindaci può essere approvata solo se si modifica la Costituzione prevedendo l’elezione diretta del Capo dello Stato

Infophoto Infophoto

“La legge elettorale del doppio turno dei sindaci può essere approvata solo se si modifica la Costituzione prevedendo l’elezione diretta del Capo dello Stato. Ciò rende a maggior ragione impossibile un accordo basato sulle sole forze della maggioranza di governo senza un’intesa con Forza Italia”. Lo rivela il deputato renziano Dario Nardella, ex vicesindaco di Firenze, in un’intervista a tutto campo a Ilsussidiario.net. Delle tre proposte di legge elettorale avanzate da Renzi, il doppio turno dei sindaci è quello preferito dal Nuovo Centro Destra di Alfano, il modello spagnolo è appoggiato da Berlusconi e il Mattarellum da Grillo. Ieri intanto Matteo Renzi, riferendosi al premier Letta, ha dichiarato: “Enrico non si fida di me, gliel’ho detto l’altro giorno. Ma sbaglia”. Per Nardella “questa frase non va interpretata come una sterile critica ma come il desiderio di rafforzare la collaborazione con il presidente del Consiglio”.

 

Alfano ha detto di essere pronto a votare il modello dei sindaci già da domani, ma Renzi sembra preferire il dialogo con Berlusconi. Eppure Alfano è al governo col Pd e Berlusconi è all’opposizione. Qual è la strategia che c’è dietro a questa scelta?

Renzi non ha affatto preferenze verso Forza Italia o verso un partito in particolare. Anzi ha riconosciuto a NCD il ruolo di alleato della maggioranza, ma ha tenuto a ricordare un principio: tutti i partiti, di maggioranza e di opposizione hanno il diritto e il dovere di scrivere la legge elettorale in quanto si tratta delle regole del gioco. Il Pd è quindi pronto a discuterne con tutti e ad approvare la legge con chi ci sta, puntando alla più ampia maggioranza possibile.

 

Maria Elena Boschi ha parlato di contatti tra Renzi e Verdini. Sono avvenuti davvero?

Il segretario non ha avuto contatti soltanto con Verdini, ma con tutti i leader politici. Renzi per esempio ha parlato di legge elettorale con Alfano a margine dell’incontro pubblico con Vespa. Con Verdini è emerso soltanto che, a proposito delle tre proposte avanzate da Renzi, Forza Italia mette al primo posto il modello spagnolo. E’ questo che si sono detti Renzi e Verdini quando si sono incontrati.

 

Eppure questo modello non piace ad Alfano. Che cosa impedisce di approvare subito il doppio turno dei sindaci come suggerito da NCD?


COMMENTI
13/01/2014 - Ingenuamente. (luciano dario lupano)

Per cortesia c'è qualcuno tra quelli che "sanno tutto" e sparano chiacchere a dx e a manca che spieghi al popolo bue come mai non si riesca a cambiare la Legge Elettorale? Sentitamente ringrazio!