BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCENARIO/ Polito: l'Italicum di Renzi riavvicina Berlusconi e Alfano

Pubblicazione:

Silvio Berlusconi con Angelino Alfano (Infophoto)  Silvio Berlusconi con Angelino Alfano (Infophoto)

Ne esce benissimo, ritrovandosi completamente inserito in quella stessa vita politica italiana di cui ormai non faceva più parte da qualche mese. Berlusconi è tornato al centro della scena e al centro delle riforme, quindi uno dei passaggi più importanti. Tutto ciò gli ha inoltre riconsegnato l’unità del partito e, tutto sommato, lo ha messo anche nelle condizioni di riconciliarsi prima o poi con Alfano, di cui avrà bisogno nel momento elettorale per formare la coalizione. Praticamente avremmo una riedizione del Pdl.

 

Berlusconi e Renzi potrebbero trovare un accordo anche sul semipresidenzialismo?

Non credo che l’attuale Parlamento sia in grado di affrontare una riforma di questa portata, anche se il doppio turno comporterebbe automaticamente almeno un rafforzamento dei poteri del capo del governo.

 

Come giudica la posizione assunta dal Movimento 5 Stelle fino ad ora? Questa legge va bene anche a Grillo?

Di certo la proposta di Renzi non verrà accettata, altrimenti Grillo si sarebbe seduto al tavolo per discuterne. Il Movimento 5 Stelle appare in difficoltà, ma per un motivo ben preciso: se il sistema politico riprenderà a produrre decisioni e cambiamenti, automaticamente i grillini si indeboliranno. Se poi i partiti tradizionali riusciranno anche a ridurre i costi della politica, svuotando in parte la campagna elettorale di Grillo, allora gli argomenti dei 5 Stelle diminuiranno ancora di più. Nonostante ciò, ovviamente l'M5S rimarrà in attesa del primo passo falso degli altri partiti.

 

Come si pone invece Giorgio Napolitano di fronte alle proposte messe in campo?

Il Capo dello Stato non può che vedere con soddisfazione il fatto che finalmente, dopo tanto tempo, i partiti sembrano in grado di raggiungere un accordo, ognuno sacrificando qualcosa, per dare una legge elettorale al Paese e per avviare un minimo di cambiamenti costituzionali necessari. Sono quindi convinto che Napolitano accompagnerà questo processo per quanto possibile, assicurandosi che la Costituzione sia sempre rispettata.

 

(Claudio Perlini)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.