BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

SONDAGGIO/ Piepoli: se si vota con l'Italicum stesso risultato del Porcellum (anzi peggio)

Roberto Calderoli, Roberto Calderoli, "padre" del Porcellum (Infophoto)

Se non vogliono essere esclusi, parteciperanno tutti in cordata con i partiti maggiori. Se alla fine perderanno o guadagneranno seggi è però una cosa che si può sapere soltanto a posteriori.

 

Con la riforma del Senato, si modifica la base elettorale determinante ai fini della fiducia al governo. I giovani conteranno di più?

I giovani contano relativamente, perché spostamenti di milioni di voti sono inimmaginabili. In termini percentuali un milione di voti equivale circa al 2,5%, tre milioni all’8%. Una differenza di tre milioni di under 25 tra la base elettorale della Camera e quella del Senato non significa però che un solo partito prende l’8% in più, ma che quella cifra si disperde seguendo la curva di Gauss un po’ a destra e un po’ a sinistra. Se quindi nell’elettorato tra i 18 e i 25 anni la sinistra prende il 3% in più rispetto alla media, questo si tradurrà complessivamente in uno 0,5% in più.

 

Che cosa si aspetta dalle prossime elezioni europee?

Il centrodestra prenderà il 32% e il centrosinistra il 37%. Il centro otterrà solo il 5%, ma riuscirà a entrare nel Parlamento Ue in quanto gli eletti italiani sono 77 e l’1,5% dei voti corrisponde a un seggio. Il Pd da solo otterrà il 33%, a condizione che non avvenga una scissione che cambierebbe del tutto lo scenario. Resta un’incognita per ora che cosa farà la sinistra del partito guidata da Cuperlo, cioè se sceglierà di riunirsi alla sinistra marxista o di restare nell’alveo del Pd. Sia Forza Italia sia Nuovo Centro Destra tenderanno a salire, prendendo rispettivamente il 18,5% e il 6,5%, mentre la Lega nord tende a scendere al 3,5%. Il M5S oscilla invece fortemente tra il 21 e il 23%.

 

(Pietro Vernizzi)

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
23/01/2014 - Basta ammuina occorre cambiare la Costituzione (Carlo Cerofolini)

È ovvio che cambiare solo la legge elettorale è una “gattopardata”, visto che dal dopoguerra ne abbiamo avute tre: proporzionale puro con preferenze; mattarellum e porcellum, che ha determinato per il cdx una maggioranza mai vista, con l’Italia però sempre in stallo perenne, perché abbiamo un esecutivo “imbelle”. Ciò detto è chiaro che per risolvere occorre fare una riforma della Costituzione che: 1) vada in senso presidenzialista, ovvero consenta di avere un esecutivo “forte” e in grado di legiferare in modo efficace e rapido in sintonia con quelle che sono le esigenze dell’Italia e coerentemente con il programma elettorale presentato ai cittadini; 2) porti all’eliminazione delle Regioni, fonti di spesa incontrollata, iper legislazione e burocratizzazione e via complicando e sprecando; 3) imponga un tetto del 33% alla pressione fiscale totale; 4) renda il nostro sistema giudiziario simile a quello delle grandi democrazie europee; 5) faccia sì che i parlamentari italiani godano delle stesse garanzie di cui godono gli eletti al Parlamento Ue; 6) il costo totale della politica, dei politici, degli organi costituzionali, dei burocrati e degli altri servitori dello stato, ecc. non deve superare quello medio dei loro corrispondenti delle altre nazioni Ue. Questo tanto per incominciare. Tutto il resto è solo ammuina, nuova legge elettorale ovviamente compresa.

 
23/01/2014 - Usi ad obbedir tacendo (Luigi PATRINI)

Non sarà davvero un gran problema per i politici se la vera rilevante novità dell'Italicum sarà un costo doppio rispetto al Porcellum: mica le pagano loro con i loro soldi le elezioni! Qualcuno spari loro nelle gomme (nelle gomme, mi raccomando!) e li fermi prima che sfascino il Paese! Solo una sommossa generale all'interno dei partiti maggiori potrebbe fermare i cosiddetti leader dei partiti maggiori. Ma chi si muoverà per primo? Chi avrà il coraggio di uscire per primo allo scoperto, avendo chiaro che, se rimane allo scoperto da solo per poche ore rischia di essere estromesso da ogni lista presente e futura? Occorre avere una libertà (anzi: una Libertà) davvero grande, che certo è scarsa in chi è "uso ad obbedir tacendo" per non avere "le mani mozzate"!