BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

ITALICUM/ Franceschini con Forza Italia: no alle preferenze

Sempre maggiori le opinioni contrastati a proposito della nuova legge elettorale, l'Italicum. Dario Franceschini si oppone alle preferenze in sintonia con Forza Italia

Foto InfoPhoto Foto InfoPhoto

C'è chi dice no, anche nel Pd. Dario Franceschini, ad esempio, si schiera senza dubbi sulla linea dell'accordo Renzi-Franceschini, e cioè liste bloccate (anche se più corte) e niente preferenze. Il ministro per i rapporti con il parlamento spiega che cambiare l'accordo originale farebbe saltare lo stesso accordo e che comunque non è detto che con le preferenze abdurrebbero in parlamenti i migliori, anzi. "Farebbero aumentare a dismisura i costi delle campagne elettorali dei singoli candidati, con tutti i rischi connessi, e non sempre porterebbero in Parlamento i migliori e comunque lo priverebbero della presenza di competenze e professionalità indispensabili", dice Franceschini. Forza Italia dal canto suo è irremovibile, lo ha detto ancora oggi Denis Verdini incontrando Maria Elena Boschi: nessuna ipotesi, ha detto Verdini, di revisione dell'accordo fatto. C'è invece la posizione di Alfano e del suo partito, che chiederebbe almeno un sistema misto di collegi e preferenze. Il M5S dal canto suo è schierato per le preferenze, mentre è risaputo che la minoranza del Pd, quella di Cuperlo per intendersi, è favorevole anch'essa alle preferenze. 

© Riproduzione Riservata.