BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCENARIO/ Folli: e se Renzi facesse subito il premier?

Pubblicazione:

Matteo Renzi (Infophoto)  Matteo Renzi (Infophoto)

Questo bisogna ancora capirlo. Finora Renzi è stato molto dinamico e irruente, cercando di dare un’impronta al dibattito politico. Nella sostanza però ha dimostrato una certa incertezza. Non è sicuro che riuscirà ad andare a elezioni anticipate né che gli convengano veramente, e d’altra parte non ha neppure voglia di impegnarsi per sostenere un governo di cui non fa parte. Ciò determina un’ambiguità di fondo.

 

E quindi?

Renzi commetterebbe un gravissimo errore se pensasse di continuare a seguire una strategia del doppio binario. Come conseguenza dell’incertezza, il segretario del Pd potrebbe essere tentato di tenere in mano tutto ciò che crea consenso, preoccupandosi solo della sua popolarità, e cercando di scaricare tutti i problemi e le contraddizioni su Letta.

 

Renzi potrebbe optare per la scelta di guidare personalmente il governo?

Questo è uno scenario che non ha molte possibilità di realizzarsi, ma che ha una sua logica. Per certi aspetti sarebbe un elemento di grande chiarimento. Quando nel 1990 Margaret Thatcher fu indotta dal Partito Conservatore a ritirarsi, le successe John Major senza passare dalle elezioni. Nel Regno Unito il premier ha dei poteri molto ampi, ma che sono legati alla volontà del suo partito. Nel momento in cui in Italia il Pd è guidato da Renzi, non sarebbe così strano se quest’ultimo decidesse di salire personalmente a Palazzo Chigi. Poiché temo che le cose non andranno così, ritengo che ci debba essere un impegno forte di Renzi a sostenere Letta.

 

Per quale motivo l’idea che Renzi diventi premier senza passare da nuove elezioni non è realizzabile?

Perché Renzi non ha intenzione di “sporcarsi le mani”, e preferisce volare alto mentre il lavoro pesante e faticoso lo fanno Letta e Alfano. Questa è una strategia che rischia di essere di corto respiro. Finora il sindaco di Firenze è stato molto abile nel lanciare temi che creano consenso, ora però è venuto il momento di prendere decisioni impopolari e dolorose.

 

(Pietro Vernizzi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
08/01/2014 - Renzi si ricordi di Gorbaciov (Carlo Cerofolini)

Visto che Renzi sembra voler cambiare un sistema che non funziona riformandolo da suo interno, si dovrebbe ricordare che quando si cerca di fare quest’operazione è molto probabile che si acceleri solo l’esplosione del sistema stesso, rimanendo sepolti dalle macerie. Cosa che capitò anche a Gorbaciov che - con la sua glasnost e perestrojka - prima portò alla liquidazione del comunismo in Europa e poi determinò il dissolvimento dell’Unione Sovietica.

 
08/01/2014 - Voi, cosa ne direste? Io: speriamo che me la cavo! (Luigi PATRINI)

Se un elefante entrasse in una cristalleria e volesse mettersi a danzare, voi cosa direste? Io direi che occorrerebbe dargli delle attenuanti: non si è reso di dove si trova; non sa che farsene di tanti bei cristalli, che non capisce neppure quanto possono essere belli e delicati. Poi, certo, sarebbe opportuno impegnarsi a farlo uscire prima che combini troppi guai… Ma se in quella stessa situazione si mettesse un elefante dotato di intelligenza "umana", non direste che è un matto pericoloso? E se l'elefante avesse i propositi e la "grazia" di Renzi? Che ne direste?