BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

CAOS GOVERNO/ Lupi: Renzi, non fare lo stesso errore di Berlusconi

Il ministro Maurizio Lupi (Infophoto)Il ministro Maurizio Lupi (Infophoto)

Il piano industriale di Alitalia prevede già solo per il prossimo anno un aumento di un milione e 200mila passeggeri tra Linate e Malpensa, l'aumento da 11 a 25 dei voli intercontinentali da Malpensa con il passaggio da 200mila passeggeri all'anno a 550mila. Sempre a Malpensa c'è già il progetto di portare i voli per l'India della Jet Airwais che porterebbe il suo hub europeo da Bruxelles allo scalo lombardo con una previsione di altri 100mila passeggeri. Lo scopo è sviluppare la vocazione intercontinentale di Malpensa. Promesse? No, piani industriali.

 

Che cosa è cambiato con il decreto Linate?

Il decreto Linate non ha aumentato il numero di movimenti orari per lo scalo milanese, che erano e sono rimasti 18. Comunque aspettiamo i fatti e per verificarli, dopo il varo del decretoLinate, ho istituito un tavolo in cui siedono il Ministero, la regione Lombardia, il Comune di Milano e la Sea per monitorare ogni sei mesi l'andamento del traffico di Linate e Malpensa e per intervenire di conseguenza. Ricordo infine che Malpensa è l'unico aeroporto strategico del bacino aeroportuale del Nord Ovest, questo vuol dire investimenti sullo scalo, sulle infrastrutture che lo servono, sul collegamento ferroviario ad alta velocità. Chiedo: questo vuol dire che stiamo scommettendo sullo sviluppo di Malpensa o no?

 

Come valuta lo scontro nella direzione di Forza Italia?

Evidentemente il 2 ottobre non porta molta fortuna a Forza Italia. Dovrebbero convocare gli uffici di presidenza in un'altra data. Un anno fa una scelta sbagliata di Fi ha portato alla divisione del Pdl, all'uscita di Fi dal Governo e alla nascita del Nuovo Centrodestra con quell'atto di coraggio e di responsabilità che oggi ci permette di avere un paese che può discutere del proprio futuro e di dare la possibilità anche a Fi stessa di discutere se appoggiare la riforma del lavoro o meno, se continuare nel discorso delle riforme istituzionali. La sinistra ha avuto il coraggio di cambiare con Renzi, mi sembra che il centrodestra non abbia ancora il coraggio di farlo, ma ognuno si assume le sue responsabilità.

 

(Pietro Vernizzi)

© Riproduzione Riservata.