BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CAOS PD/ D'Attorre: siamo più dei deputati Ncd, a Renzi conviene ascoltarci

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

“Confido nel fatto che Renzi faccia prevalere la saggezza e abbandoni una linea di scontro e di divisione che non porta da nessuna parte”. Lo afferma il deputato del Pd, Alfredo D’Attorre, dopo l’incontro di ieri tra Renzi e i gruppi parlamentari del partito al Senato e alla Camera dei Deputati. Per l’onorevole, “se c’è stata l’idea di dare una spallata ai sindacati e ai corpi intermedi, dopo il grande successo della manifestazione del 25 ottobre deve essere abbandonata perché si è rivelata del tutto irrealistica. Ci sono le condizioni per fare correzioni ragionevoli e condivise alla delega lavoro e mi auguro che il governo si renda disponibile”.

 

Che cosa farete se Renzi metterà la fiducia?

Questa ipotesi non la voglio neppure considerare. Sarebbe un errore di merito, perché lascerebbe un testo che presenta aspetti evidentemente lacunosi. Sarebbe una scelta incomprensibile anche sul piano costituzionale perché non si può costringere per due volte il Parlamento prima al Senato e poi alla Camera a votare una delega in bianco indeterminata su una questione come il lavoro, che tocca diritti costituzionali di prima grandezza.

 

Civati è arrivato a evocare la scissione. Non sarebbe nel vostro interesse fondare un nuovo partito?

No, tutt’affatto. Noi vogliamo rimanere con grande convinzione nel Pd e riportarlo a essere un grande partito che rappresenta innanzitutto la sinistra e il mondo del lavoro. Quest’ultimo non ci chiede di metterci in un angolo in cui preservare la nostra purezza, bensì di dare battaglia in quello che oggi è il vero centro della politica italiana e il luogo in cui si può incidere, cioè il Pd stesso. La nostra non è una scelta puramente identitaria, minoritaria o di testimonianza, ma pensiamo che le ragioni della sinistra debbano vivere nel Pd. Le vogliamo far vivere oggi per correggere quei punti dell’azione di governo che non condividiamo e che riteniamo dannosi per il Paese.

 

Perché la vostra non è una battaglia di testimonianza?

Perché su diversi provvedimenti siamo riusciti a introdurre correzioni importanti, e io mi batterò fino all’ultimo perché anche in questo caso sia così.

 

E a Renzi converrebbe una vostra scissione?



  PAG. SUCC. >