BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

CAOS PD/ Ricchiuti: Renzi lasci Berlusconi e parli con Grillo

Beppe Grillo (Infophoto)Beppe Grillo (Infophoto)

Non si può dire che la mia sia una posizione ampiamente condivisa. Io faccio parte di quelli che muovono delle critiche e hanno il coraggio di farlo alla luce del sole. Ci sono poi quelli che la pensano come noi, ma che ufficialmente non lo diranno mai per il problema della ricandidatura.

 

Che cosa farete per organizzarvi?

Noi continuiamo a fare la nostra battaglia all’interno del Pd, anche perché il nostro è un grande partito e io credo che ci debba essere spazio per tutti, anche per chi dice no.

 

Che cosa sta accadendo al Pd?

Questo partito si sta spostando molto a destra e poco a sinistra, sembra che la sinistra in qualche modo dia fastidio. Invece noi rappresentiamo un’ampia fetta dei cittadini e dell’elettorato, che magari non vota neanche più perché è deluso …

 

O che vota Grillo …

Certamente. Oggi il popolo della sinistra è diviso in tre: una parte ha votato Grillo, una parte non ha votato e una parte ha votato il Pd. E’ un elettorato molto frastagliato, si tratta di cittadini che hanno scelto strade diverse ma che nella realtà non trovano più chi li rappresenta. La battaglia di Renzi contro il sindacato avrà come conseguenza proprio il fatto che ci saranno sempre più elettori di sinistra che non verranno a votare.

 

Andremo a elezioni anticipate?

Lo spero proprio. Quando si insediò il governo Letta doveva durare 18 mesi. Avremmo quindi dovuto sciogliere le camere e andare a votare in primavera. Poi è arrivato Renzi e ha lanciato i mille giorni. L’Italicum però è stato approvato solo alla Camera e non vale per il Senato.

 

Con quale legge elettorale andremo a votare?


COMMENTI
07/11/2014 - Per questo il Paese è finito (Giovanni Menegatti)

La signora Ricchiuti è dentro il PD ma non condivide quello che propone il suo Presidente perchè secondo lei fa proposte di destra, possibile che non capisca che ai giovani, e altri disoccupati non interessa che siano proposte di destra o di sinistra ma che siano proposte che possono creare posti di lavoro. Se le proposte del governo Renzi sul lavoro a livello internazionale sono condivise e anche alle associazioni industriali che sono in definitiva quelli che possono creare posti di lavoro veri e non clientelari nel pubblico, che sono quei posti che hanno rovinato L'Italia, perchè si deve sempre dire di no comunque. E ora di finirla con questa bagarre interna al partito guardate che il paese sta esaurendo la pazienza non si può piu andare avanti con questa classe politica che sguazza nel pantano mentre il paese sta morendo.