BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MATTARELLUM?/ Pasquino: solo una "minaccia" di Renzi contro Berlusconi

Pubblicazione:giovedì 11 dicembre 2014

Maria Elena Boschi, ministro per le Riforme (Infophoto) Maria Elena Boschi, ministro per le Riforme (Infophoto)

E’ l’ennesimo monito che le autorità europee rivolgono all’Italia, e credo che abbiano sostanzialmente ragione. Invece che attaccare i tecnocrati, il governo dovrebbe rendersi conto del fatto che in Europa ci sono anche dei politici di razza che vincono le elezioni, che hanno delle competenze, che non sono dei miracolati ma che hanno una carriera parlamentare. Dobbiamo quindi riuscire a compiere quanto promettiamo, e non soltanto millantare delle cose che poi non riusciamo a fare.

 

Quindi le riforme di cui parla l’Europa non sono ciò che il governo ha fatto finora?

Credo che all’Europa delle nostre riforme istituzionali interessi assai poco. Se il Senato fosse trasformato in una vera camera di rappresentanza territoriale sarebbe meglio, perché è ciò che avviene in tutta Europa tranne in Gran Bretagna dove c’è la Camera dei Lord. All’Europa però interessano riforme vere del mercato del lavoro e delle politiche fiscali.

 

(Pietro Vernizzi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  

COMMENTI
11/12/2014 - Meglio il proporzionale... Diciamoglielo subito! (Luigi PATRINI)

Meglio il proporzionale ...puro, ma con una lieve soglia di sbarramento al 3-4 %, tanto per fermare i vari ...PLI,PSDI,PRI e DP! Per fermarli o costringerli ad un minimo di aggregazione.... Credo che sia doveroso che ci sia un movimento d'opinione che dice chiaro ai politici che devono darci una legge elettorale rispettosa della rappresentanza proporzionale e del diritto irrinunciabile degli elettori di esprimere la propria preferenza per i candidati. Finiamola con le liste bloccate!!! Il premio di maggioranza (6% in più) alla "coalizione" dichiarata prima delle elezioni se raggiunge il 45% dei voti (la c.d."legge truffa del 1953"lo prevedeva per chi avesse alla Camera il 50,01%). Io ho una lunga militanza politica nella DC, poi nel CDU ed ora nell'UDC, ma se i politici romani continuano a fare i loro giochetti, credo proprio che nelle prossime elezioni non mi sentirò rappresentato da nessuna lista ed ingrosserò il partito del Non-voto! Me ne dispiacerà, ma, come tanti altri onesti e seri Italiani, sono stufo di questi giochetti fatti solo per ..."garantire la stabilità" (ma "dove"? e di chi?) e il perpetuarsi di una casta fatta di persone che altrimenti sarebbero - in molti casi - nelle liste di disoccupazione! Facciamoglielo capire subito, prima che sia troppo tardi! Per loro e, soprattutto, per noi e per il Bel Paese