BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

LEGA NORD AL SUD/ L'ex Pagliarini: Salvini ha tradito, Miglio si sta rigirando nella tomba...

Matteo Salvini (Infophoto)Matteo Salvini (Infophoto)

Se il Paese è organizzato male, tutte le iniziative di Salvini prolungano l’agonia ma non curano il malato. Ciò di cui c’è bisogno è di una riforma federale sul modello svizzero. Di fatto però Salvini non parla mai di federalismo. Per questo un fondatore come Gianfranco Miglio non sarebbe d’accordo con l’attuale leader della Lega, così come non lo sono io. L’Italia era organizzata male anche prima dell’euro, se l’obiettivo di Salvini è soltanto quello di uscirne torneremo al punto di partenza che già non ci andava bene.

 

Anche sulla strategia di Salvini non si trova d’accordo?

Salvini è il leader di un partito e cerca di portare più voti possibile: da questo punto di vista fa bene il suo mestiere. Se invece il suo obiettivo non fosse quello di prendere qualche voto in più, bensì di lavorare veramente per le generazioni future, dovrebbe concentrarsi di più sulla vera priorità che è la riforma federale. Il federalismo non significa destinare due o tre euro in più o in meno, e neppure attuare un programma meramente politico, bensì è una prospettiva diversa a partire dalla quale si interpreta il mondo.

 

La Lega di Salvini sta “svuotando” Forza Italia?

Il problema di Forza Italia è uno solo, Berlusconi dovrebbe ritirarsi dalla politica attiva. Arrivato a una certa età dovrebbe accontentarsi di dare dei buoni suggerimenti. E poi intorno al Cavaliere vedo abbastanza il deserto.

 

Come vede invece il duello tra Salvini e Tosi?

Lo vedo abbastanza da lontano. Visto da fuori, da ex simpatizzante della Lega, dico che mi dispiace perché vorrei che Tosi e Salvini lavorassero insieme. Bisogna vedere però qual è l’obiettivo, perché se è prendere qualche voto in più senza cambiare la struttura portante del Paese, non saprei nemmeno per quale dei due fare il tifo.

 

(Pietro Vernizzi)

© Riproduzione Riservata.