BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

QUIRINALE/ Sansonetti: solo due candidati possono sfidare i pm

Infophoto Infophoto

Molto seria. Io penso che andrebbe fatta una riforma profonda in grado di ridurre di molto il potere dei giudici. Viviamo in una Repubblica dove negli ultimi anni il potere della magistratura è diventato assolutamente preponderante su tutti gli altri e andrebbe quindi limitato. Su questo il presidente della Repubblica può esercitare una qualche influenza, ma conta fino a un certo punto. In ogni caso sulla giustizia le posizioni di Bersani sono simili a quelle di Napolitano: non è un nemico giurato dei magistrati ma nemmeno un capo dei “manettari”.

 

Nel Pd c’è l’idea che si debba fare una riforma della giustizia?

No, nessuno riformerà la giustizia, ma il problema non è il Pd bensì il fatto che in questo momento i giudici hanno un potere illimitato. Chi fa la riforma della giustizia, il giorno dopo finisce in manette. Almeno su due punti, la responsabilità civile dei giudici e la separazione delle carriere, nonché sulla riduzione del potere burocratico della magistratura, qualsiasi proposta di riforma non passerà mai. Arrivano una decina di avvisi di garanzia e in questo modo si risolve la questione.

 

C’è una figura che se fosse eletta sarebbe in grado di sfidare i giudici?

Emma Bonino, che però non ha molte chance. Si diceva che la Bonino non poteva fare il presidente perché c’era il veto del Vaticano, ma questa è una sciocchezza. Il veto non è del Vaticano bensì della magistratura, che è molto più potente anche del Papa.

 

Renzi accetterà un presidente della Repubblica forte in grado di fargli ombra?

A Renzi conviene eleggere un presidente della Repubblica forte, perché da solo non può farcela. Eleggere Bersani come capo dello Stato produrrebbe inoltre l’effetto di ricompattare una parte del Pd, e gli risolverebbe quindi anche qualche problema interno.

 

Ma poi Bersani farebbe quello che vuole Renzi?

No, ma neanche Napolitano fa esattamente quello che vuole Renzi. Il capo dello Stato e il presidente del Consiglio hanno due ruoli distinti, quindi senza invasioni di campo, ma in due si governa meglio che da soli.

 

(Pietro Vernizzi)

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
24/12/2014 - Concordo con Sansonetti (Luigi PATRINI)

Credo che Sansonetti abbia fatto delle osservazioni pertinenti: anch'io - da qualche tempo - mi sono convinto che Bersani abbia ottime possibilità di riuscita. Oltretutto Bersani ha un'aria mite che lo rende assolutamente accettabile anche per i cattolici. Non so se sia un laico "devoto", comunque non è anticlericale e la sua storia personale è "onesta" e "popolare".

 
24/12/2014 - commento (francesco taddei)

napolitano fa quello che dicono gli americani. e draghi pure. bisogna convincere gli usa della necessità di riforma(vera, cioè chi sbaglia paga e pure parecchio) della magistratura. una figura di prestigio gargamella?