BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

PARLAMENTO NEL CAOS/ Capanna: Beppe Grillo e M5S, vittime del "cretinismo" di Lenin

Beppe Grillo Beppe Grillo

La propensione carismatica non è solo del M5S. Se lei guarda Renzi nel Pd, tutto sommato vi è un fenomeno analogo, per non parlare di Berlusconi in Forza Italia. Questa è una conseguenza di quella democrazia rappresentativa truccata di cui parlavamo all’inizio. A contare non sono più tanto i programmi e le idee, ma grazie anche all’enorme incidenza dei media moderni a essere decisiva è la figura del capo, cui viene conferita una delega pressoché smisurata e dove l’elemento della personalizzazione, soprattutto nelle democrazie occidentali, è ormai l’aspetto principale.

 

Insomma non è solo un problema di casa nostra?

No, lo stesso vale negli Stati Uniti, dove il presidente Usa è eletto quando va bene da un quarto del totale degli aventi diritto al voto, in quanto calcolando i voti del candidato repubblicano e di quello democratico, si arriva sì e no al 50% scarso. Da un punto di vista del risultato democratico ciò è paradossale, ma è favorito dalla personalizzazione ormai molto forte. Si tratta di un elemento che, se si guarda attentamente, non rafforza ma indebolisce la democrazia rappresentativa.

 

(Pietro Vernizzi)

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
01/02/2014 - Gamaliele docet (Luigi PATRINI)

Sui tempi lunghi vince un Altro, caro Capanna! Rileggiti quel che dice il saggio Gamaliele in Atti 5, 34-39. Purtroppo (o, per fortuna?) la nostra vita terrena ha tempi ...corti!