BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

POKER RENZI-LETTA/ Adinolfi: Matteo rischia di rimanere in mutande...

Pubblicazione:

Matteo Renzi (Infophoto)  Matteo Renzi (Infophoto)

Evidentemente sì. Il suo stile non lo porta a rischiare, ha un percorso diverso tutto costruito con passettini molto brevi, che lo hanno portato però a compiere un tragitto molto ampio. Il suo stile di giocatore da poker è quello di conquistare un piatto alla volta, per arrivare in cima. Di per sé non è una strategia del tutto impropria, anche se in questo momento è perdente rispetto a quella di Renzi.

 

Chi può vincere di più nel lungo periodo?

Tendenzialmente l’”aggressivo” come Renzi ha le qualità per sbancare, ma può essere anche sbancato facilmente. Una delle caratteristiche di chi affronta una partita di poker, nel modo in cui Renzi sta giocando la sua partita politica, è che può andare molto su, oppure a seconda di come gira la fortuna può perdere molto in poche mani. Di questo del resto credo che Renzi sia molto consapevole anche se non gioca a poker. Può vincere tutto il piatto, che poi si chiama Italia, ma rischia anche di finire sotto a uno dei prossimi tornanti.

 

In questa partita con due giocatori più importanti c’è un terzo incomodo che può spuntare fuori e sbancare tutto?

Certo, è Silvio Berlusconi, che in questo momento sta un po’ giocando a bluffare in quanto non ha delle carte particolarmente buone. Però ha tutte le caratteristiche per essere un giocatore di successo in questa partita complicata.

 

Alfano invece che partita sta giocando?

Alfano è un giocatore secondario, non è quello che dà le carte, in questa fase non è protagonista ma può avere un potere interdittivo. Il leader del Nuovo Centro Destra è quello che più di ogni altro può giocare la blocking bet, stoppando sul nascere le mosse degli avversari più pericolosi.

 

(Pietro Vernizzi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
10/02/2014 - Poveri noi (Carlo Cerofolini)

In altri termini, come affermava Flaiano, la situazione è tragica ma non è seria. Comunque siamo messi male e se si pensa che Renzi dovrebbe essere quello che risolve gli italici problemi (sic) poveri noi!

 
10/02/2014 - Per ora siamo alla canotta! (claudia mazzola)

Qui se non ci diamo da fare...mio marito ha trovato un architetto che divida una parte d'ufficio con lui, almeno si paga un pezzettino d'affitto. Se aspettiamo i politici, in mutande restiamo noi!