BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

RETROSCENA/ Pomicino: la nomina di Monti fu voluta da Goldman Sachs

Per PAOLO CIRINO POMICINO, i poteri forti nel 2011 avevano bisogno che nel nostro Paese ci fosse un governo stracciato, in modo da fare entrare un uomo della Goldman Sachs a Palazzo Chigi

Mario Monti (Infophoto) Mario Monti (Infophoto)

“I poteri forti nel 2011 avevano bisogno che nel nostro Paese ci fossero un Parlamento debole e un governo stracciato, in modo da fare entrare un uomo della Goldman Sachs a Palazzo Chigi. Fecero dunque cadere il governo Berlusconi e al suo posto fecero arrivare Mario Monti”. Lo sottolinea Paolo Cirino Pomicino, ex ministro del Bilancio e della Funzione pubblica, commentando la lettera del presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, al Corriere della Sera

Nell’ultimo libro di Alan Friedman, “Uccidiamo il gattopardo”, sia Carlo De Benedetti sia Romano Prodi intervistati dall’autore avallano la tesi che l’idea di una chiamata di Mario Monti a Palazzo Chigi avesse già preso piede nel luglio 2011, e che quindi la crisi del governo Berlusconi fu in qualche modo “pilotata”. Per Napolitano però “nel corso del così difficile – per l’Italia e per l’Europa – anno 2011, Monti era un prezioso punto di riferimento per le sue analisi e i suoi commenti di politica economico-finanziaria sulle colonne del Corriere della Sera. Egli appariva allora – e di certo non solo a me – una risorsa da tener presente e, se necessario, da acquisire al governo del paese”. L’idea di un complotto è quindi “fumo, solo fumo”.

 

Pomicino, che cosa fece sì che nel novembre 2011 la scelta cadesse proprio su Mario Monti?

La scelta di Mario Monti come presidente del Consiglio era nell’ordine naturale. Nel novembre 2011 Berlusconi non ebbe più la maggioranza di governo alla Camera dei Deputati. Era così prevedibile, l’arrivo di Monti, che io lo scrissi già nel novembre 2008. Siccome non ho capacità divinatorie, quanto avvenne si spiega soltanto con il fatto che era nell’ordine naturale delle cose.

 

Quale fu il ruolo di Napolitano in questa vicenda?


COMMENTI
11/02/2014 - Pomicino e goldman sachs (delfini paolo)

Che la goldmans sachs si sia sostituita in gra n parte alla volontà popolare da un pezzo è chiaro a tutti.Adesso ciò diventa ufficiale.Quindi possiamo ancora parlare di democrazia nell'Ue o nell'eurozona ?

 
11/02/2014 - I poteri forti (luisella martin)

Che i poteri forti esistessero, lo sanno tutti, che ci si dovesse inchinare davanti a loro lo decisero solo in pochi, compreso Cirino Pomicino. Io, povera donna, ho lasciato volentieri che altri uomini, che ne sapevano più di me, guidassero la nostra patria; li ho scelti votando, convinta che si sarebbero opposti a tutto ciò che agiva segretamente. Solo il diavolo ha sempre agito di nascosto a tutti e ha suggerito di farlo a tutti coloro che ambiscono al potere! Gli sciagurati, come dice il Manzoni, hanno risposto, accettando il suggerimento!