BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

CAOS PD/ Polito: tre premier in un anno? Un partito allo sbando

Pierluigi Bersani, Enrico Letta e Massimo D'Alema ai tempi d'oro (Infophoto)Pierluigi Bersani, Enrico Letta e Massimo D'Alema ai tempi d'oro (Infophoto)

La condizione della maggioranza è abborracciata. E appunto, nel programma di Renzi ci sono temi (unioni civili, Bossi-Fini) urticanti proprio per Ncd. Assisteremo a qualche mal di pancia di sicuro. Sta a vedere quanti saranno...

 

Basteranno dunque Renzi e la sua nuova squadra a dare discontinuità?

Innanzitutto godrebbe del pieno sostegno del proprio partito, cosa che Letta non aveva. Ma la questione cruciale sono i margini di manovra che il governo italiano ha sul tema della finanza pubblica insieme alle politiche europee adottate in materia. Se il resto d’Europa e i mercati decidessero di scommettere sulla proposta politica di Matteo Renzi ne trarremmo sicuro vantaggio dal punto di vista economico, ma onestamente non credo che Renzi godrà di un trattamento speciale. Spero di sbagliarmi.


Alla luce dei fatti, come cambieranno i rapporti con Forza Italia? Può un governo Renzi fare le riforme insieme a chi gli farà opposizione politica in parlamento?

Questa è la vera incognita. Allora: Renzi e Berlusconi si erano accordati sul fare le riforme e sul tornare, in un secondo momento, al voto. Ora però Renzi parla di governare fino al 2018, ma Berlusconi non ha certo voglia di aspettare 4 anni, lasciandolo a Palazzo Chigi, correndo per di più il rischio di un suo rafforzamento. Il tutto potrebbe avere conseguenze sul tavolo delle riforme con Forza Italia che potrebbe far saltare tutto e tirarsi indietro.

 

Siamo alla vigilia di una nuova elezione del capo dello Stato o Napolitano rimarrà saldo al Quirinale?

Napolitano, a differenza di Letta, non può essere sfiduciato. Il presidente della Repubblica ha detto, al momento dell’elezione, che non avrebbe fatto tutto il mandato e che avrebbe retto la carica finché il processo di riforme si fosse avviato e le sue forze lo avessero sostenuto. Ora il processo è stato avviato: la legge elettorale è alla Camera e ora dovrebbe arrivare quella relativa al titolo V. Quindi penso che Napolitano si dimetterà non appena la situazione si incanalerà sui binari della stabilità e non appena si possa tornare alle urne senza che succeda la fine del mondo.

 

Che fine farà Letta? Avrà un posto nel governo Renzi?

Secondo me, per come si è comportato e per l’orgoglio che ha dimostrato, escludo quest’ipotesi. Facendo il parallelo con Prodi e D’Alema, quest’ultimo si preoccupò di sistemare il professore in Europa; poiché in Europa ci sono numerose cariche prossime a rinnovarsi penso che il suo futuro possa essere lì.

 

(Fabio Franchini)

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
14/02/2014 - A forza di sbandare ci faranno del male. (claudia mazzola)

A me pare tanto che i politici a noi elettori, ci stiano tirando per il popò, o no?