BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

GOVERNO RENZI/ Casson (Pd): noi e Alfano incompatibili, meglio il voto subito

Felice Casson Felice Casson

Tutti i temi di maggior rilievo a cominciare da giustizia, lavoro, sicurezza sul lavoro, legalità, conflitto d’interessi, diritti, immigrazione. Ogni volta che si discute di questi argomenti vengono alla luce delle profonde divisioni.

 

Lei è fautore di un rigoroso bipolarismo?

Il bipolarismo di per sé è una formula vuota se si prescinde dai contenuti. E’ su questi ultimi che bisogna ragionare, con l’obiettivo di verificare le posizioni.

 

Voterà la fiducia al governo Renzi?

Questo è prematuro dirlo. Vedremo che cosa succede.

 

Lei quale legge elettorale auspica?

L’Italicum ha bisogno di alcune profonde correzioni. Il sistema migliore è quello del doppio turno di collegio. I limiti della riforma elettorale proposta da Renzi sono il modo in cui sono state impostate le soglie di sbarramento, l’assenza delle preferenze e le liste bloccate. Avrei per esempio previsto una soglia nazionale, e non a livello di collegio, sia per quanto riguarda lo sbarramento sia per il premio di maggioranza.

 

Sui temi della giustizia, quale incompatibilità vede tra Pd e Nuovo Centro Destra?

Il Nuovo Centro Destra ha sempre trattato i temi della giustizia da un punto di vista personalistico, mettendo al centro interessi singoli e particolari, anziché tentare di dare risposte al mondo della giustizia e del carcere nel suo complesso. Non è un caso che sulle tematiche relative alla giustizia Ncd e Forza Italia abbiano votato sempre insieme.

 

Pd e Ncd possono andare d’accordo almeno sui temi del lavoro?

No. Le proposte di Maurizio Sacconi sui temi del lavoro sono certamente incompatibili con la visione del centrosinistra.

 

(Pietro Vernizzi)

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
18/02/2014 - Ma esiste ancora il PD ? (Duilio Sala)

Ma esiste ancora il PD ? Perché c'è un PD che non ha voluto Bersani, c'è un PD che non ha voluto Letta, c'è già un PD che non vuole Renzi. Insomma, quanti PD esistono? O meglio, esiste ancora il PD ? Saluti. Duilio Sala

 
18/02/2014 - e l'art. 138? (Claudio Baleani)

Tutti sono d'accordo che bisogna riformare la costituzione, che bisogna abolire il senato (e perché non la camera?) e che bisogna rifare il titolo V che tante disgrazie ha portato al paese, oltre che lucrosi guadagni ai nostri costituzionalisti. Però Casson vuole le elezioni quando da magistrato qual è sa che l'art. 138 della costituzione pretende la doppia lettura delle leggi costituzionali intervallate da almeno tre mesi l'una dall'altra. In sostanza un anno solo per le votazioni. E per votare la riforma elettorale? Si dovrà pure discutere o no? E tutto questo per che cosa? La voglia elettorale di Casson su che cosa si fonda? Hanno al governo Berlusconi? No. Ma ci vogliono neanche i dissidenti da Berlusconi. Casson vuole le elezioni. Andiamo alle elezioni e vediamo se il PD vince. Casson questo non lo garantisce. Chissà come mai.