BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

RETROSCENA/ I dubbi del Colle sulla lista di Renzi

Matteo Renzi (Infophoto)Matteo Renzi (Infophoto)

Non nell’immediato. Però il tema è all’ordine del giorno, sia per l’età anagrafica del presidente – che a giugno compie 89 anni – sia perché si è aperta una nuova fase politica. Ecco, tutto sta a vedere se questa fase politica nuova prenda il volo o meno. Diciamo chiaramente, comunque, che Napolitano – quando accettò il secondo mandato – non si aspettava certo una situazione del genere; la sua rielezione era infatti legata al patto di larga coalizione che portò al governo Letta. Ora le cose sono diverse. Di quell’architettura restano in piedi solo le riforme: se le riforme incominciassero a marciare, Napolitano potrebbe allora rimanere al comando, altrimenti...

 

Il Nuovo Centrodestra mantiene tre ministeri, ma si può parlare di un governo monocolore Pd?

Sarebbe sbagliato perché dopo una battaglia durissima, tre ministri con portafoglio su tredici sono stati conservati, e sono ministeri rilevanti. Certo, un minimo di ridimensionamento è innegabile: la mancanza dei gradi di vicepremier per Alfano è una diminutio. D’altronde lui rappresentava il PdL, che aveva una consistenza parlamentare di molto superiore al Ncd. Ora sta a loro, con tre uomini di peso nel governo, far valere i propri argomenti: si giocano tutto e non possono permettersi di sprecare tempo.

 

Ma Renzi ha la maggioranza in Parlamento?

La maggioranza numerica per far partire il governo c’è sicuramente. I principali problemi, semmai, è probabile che li abbia in casa propria, dove ci sono svariati mugugni. Quindi dovrebbe incominciare a controllare le cose dentro il suo partito, perché in un Pd che sembra la vecchia Democrazia cristiana non appena si è fatto un premier c’è qualcuno che lavora per sfilargli la poltrona.

 

(Fabio Franchini)

© Riproduzione Riservata.